Ambiente, dalla newsletter dell’Assessore: Alberi e tramvia, Villa a Rusciano

Tramvia 21 Maggio 2008 –
Alberi e tramvia. Viale Morgagni sarà rinnovato con 130 piante.
14 esemplari di pregio non saranno abbattuti.

Viale Morgagni sarà rinnovato con circa 130 alberi salvando dall’abbattimento 14 piante di particolare pregio. Non solo. Altri otto alberi (4 da una parte, 4 dall’altra) saranno reimpiantati grazie allo spostamento della fermata della tramvia dalla scuola Matteotti alla casa dello studente, mentre altre 15 piante verranno piantate nell’area davanti alla casa dello studente, appena dietro la fermata. Quest’ultima soluzione è stata resa possibile grazie ad un accordo con l’Università di Firenze che ha accolto la proposta dell’arrivo di nuovi alberi. Le novità sono state spiegate stamani dal vicesindaco Giuseppe Matulli e dall’assessore all’ambiente Claudio Del Lungo che insieme hanno presentato il piano di interventi sulle alberature del viale, in particolare il lato destro. I 14 alberi che l’amministrazione ha deciso di mantenere (tre cipressi, due lecci, 9 bagolari) sono piante ancora rigogliose, le uniche in pratica ancora abbastanza sane. Altri 3 lecci sempre in buone condizioni verranno trapiantati prima al vivaio comunale dove verranno tenuti sotto osservazione per poi essere destinati ad altri luoghi. “Questa decisione è stata presa – ha spiegato Del Lungo- dopo vari dati emersi sia dai sopralluoghi a vista fatta dai tecnici della direzione ambiente sia dalle schede sulla salute degli alberi compilate dalla Cooperativa Ciclat e la Cooperativa ambiente che albero per albero hanno stabilito il grado di salute in base alle ferite, le carie, la chioma diradata, l’inclinazione”. Un’analisi approfondita che ha stabilito un cattivo stato di salute generale della maggioranza degli alberi del viale. “Se osserviamo il viale dall’alto – ha aggiunto l’assessore all’ambiente- non c’è un albero uguale all’altro, le chiome sono tutte irregolari. E’ questo il tipo di viale che vogliamo offrire alla città? Il ringiovanimento delle alberature cittadine è un obiettivo di modernità da perseguire per avere piante più belle, forti e uniformi”. L’assessore ha poi spiegato anche la situazione per quando riguarda i nidi degli uccelli. “I tecnici del nostro ufficio animali – ha specificato del Lungo- hanno fatto tutti sopralluoghi del caso che sempre vengono fatti prima di abbattere un albero riscontrando in tutto solo 3 nidi vuoti. Il che non è strano visto che un viale cittadino di questo genere e con rumore intorno non è certo il luogo migliore per nidificare. Mi chiedo quanto si intendano di uccelli e di piante le persone che si preoccupano così tanto dei nidi e dell’abbattimento di questi alberi così malandati”. In base all’analisi gli alberi che verranno abbattuti sul lato destro (circa 33) presentano quasi tutti ferite profonde fatte dalle macchine e dai motorini che urtano i fusti e che poi nel tempo si allargano fino a diventare solchi profondi. Sempre in base a quanto riportato nelle schede molte piante presentano anche carie e carpofori, altri ancora hanno una chioma così diradata da far pensare che l’albero sia praticamente già secco. Tutti i nuovi alberi e quelli che verranno mantenuti saranno tutti protetti da cordoli hobag. 

Ambiente- 22 Maggio 2008
Campi di calcio a Villa di Rusciano, sopralluogo delle commissioni Cultira e Sport,
Qualità Urbana, Urbanistica, Ambiente

Sopralluogo questa mattina dei componenti delle commissione cultura e sport, qualità urbana, urbanistica ed ambiente a Villa di Rusciano per valutare il progetto per la realizzazione del nuovo campo di calcio. Erano presenti anche l’assessore all’ambiente Claudio Del Lungo, l’assessore allo sport Eugenio Giani ed i rappresentanti dei residenti. «L’incontro è stato molto proficuo – ha sottolineato il presidente della commissione qualità urbana Giovanni Varrasi – perché ha permesso di confrontare vari punti di vista e mostrare ai cittadini il grande interesse del consiglio comunale nei confronti delle problematiche da loro sollevate». «Le tre posizioni politiche emerse nel dibattito – hanno spiegato Varrasi e Dario Nardella, presidente della commissione cultura e sport – sono risultate le seguenti: la prima sostiene che l’iniziativa dell’assessore allo sport Eugenio Giani e della giunta debba essere completamente rivista, valorizzando la dimensione naturale e sociale della zona, a tutela del parco delle colline fiorentine menzionato nel piano strutturale». «La seconda – hanno aggiunto – propone che si debba accogliere il parere dell’assessore Giani secondo il quale il progetto dell’insediamento di un impianto sportivo debba essere realizzato, anche se ridimensionato rispetto alle dimensioni originarie». «Una terza posizione – hanno concluso – è quella che sostiene che i campi debbano essere realizzati con dimensioni molto contenute, coesistendo con la dimensione naturale. Grande spazio nella discussione, sempre civile e documentata, ha avuto l’attenzione ai problemi della viabilità della zona, probabilmente incompatibile con le nuove funzioni sociali prospettate per quel territorio». «Questo è l’inizio di un percorso – ha sottolineato il consigliere di Forza Italia-Pdl Massimo Pieri – che dovremmo approfondire per arrivare, in consiglio comunale, ad un pronunciamento tendenzialmente condiviso».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: