Aprilia, le colate dissennate

Ad Aprilia tra cemento selvaggio, degrado, inquinamento, pannelli fotovoltaici e turbogas stanno distruggendo il territorio.
Italia Nostra volentieri diffonde queste notizie e si adoprerà per dare una mano ai comitati locali.
Vi invitiamo a leggere l’articolo del Comitato Degrado Apriliano e zone limitrofe.

Le colate dissennate

Approvate qualche giorno fa, addirittura in seduta notturna, le due varianti che cambieranno di nuovo il profilo già stravolto della città di Aprilia. Tali varianti fanno riferimento ad altrettanti piani integrati, che riguardano zone a ridosso del centro cittadino. In pratica verranno concessi molti metri cubi di cemento in cambio di opere di compensazione. Nello specifico le aree riguardano l’appezzamento di terreno posizionato tra via delle Regioni e la Nettunense (dietro la scuola media Menotti Garibaldi), ed un altro ubicato fra via Cattaneo e via Deledda. Nel primo caso verrà messa in sicurezza la biblioteca dell’istituto scolastico e si provvederà alla realizzazione di impianti sportivi in quella zona, tuttavia a fronte di 5000 metri quadri di cemento, che corrispondono a circa settanta nuovi appartamenti. Nel secondo caso invece, si prevede il mercato settimanale e ben 106 mila metri cubi di cemento. Secondo l’assessore all’Urbanistica questa operazione porta al recupero di due aree in stato di abbandono. Ma questo può essere un valido motivo per concedere il “premio” a chi finora ha tenuto quei terreni in stato di incuria? E’ incredibile come si continui a svendere il territorio in cambio di un piatto di lenticchie, totalmente in antitesi con altre realtà ben più virtuose, che hanno fatto dello stop al consumo del territorio la loro bandiera, esportando tale modello a macchia d’olio per il bel paese. Domenico Finiguerra vi dice niente? Sia chiaro che questo non significa bloccare del tutto l’edilizia, ma semplicemente dirottarla nel recupero di aree già edificate e magari abbandonate, evitando di aumentare le volumetrie e consumare preziosa terra fertile.
Cliccate qui per continuare la lettura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: