Caso Laika, salviamo i reperti etruschi e romani!

Fonte: La Nazione, 13.09.2011
Di: Andrea Settefonti

Caso Laika, petizione “Non affogate i resti della villa etrusca nel cemento”

Sui resti di una villa etrusco ellenica e di una romana ritrovati nel cantiere di Ponterotto, a San Casciano, dove si realizza il nuovo stabilimento Laika, entra in scena anche l’associazione “Laboratorio per un’altra San Casciano”, lo fa organizzando una petizione via posta elettronica con l’obiettivo di sensibilizzare l’assessore regionale alla Cultura Cristina Scaletti affinché i resti vengano valorizzati e non affogati nel cemento.
Nell’appello inviato all’assessore si legge che “nel 2010 durante gli scavi cantieristici sono stati rinvenuti resti archeologici di un edificio di epoca etrusco-ellenistica e di una villa romana di età imperiale. Invece di valorizzare queste testimonianze storico-artistiche, l’amministrazione comunale ha fatto propria l’istanza di rimozione dei reperti avanzata da Hymer a pochi mesi dall’inizio degli scavi.
Inoltre, il Comune ha deciso di intervenire con proprie risorse ad un progetto di demolizione, rimozione e ricostruzione in altro sito dei reperti, senza esplorare le alternative possibili che con modifiche progettuali salvassero almeno parte del sito archeologico”. Secondo il Laboratorio “tutte le procedure legate al progetto sono state svolte nella assoluta segretezza e senza contraddittori”. Inoltre “ancora non esiste neanche una riga di relazione pubblica sugli scavi” e “il progetto di rimozione è stato deliberato a scavi in corso (quando ancora la villa romana non era emersa) a prescindere quindi dai risultati”. Il rischio è “che il progetto distruggerà il valore scientifico del sito e produrrà un falso storico e topografico”.
Quindi viene chiesto all’assessore di “accogliere l’appello delle associazioni ambientaliste WWF, Legambiente, Italia Nostra, Rete dei Comitati, sospendendo la firma regionale all’accordo e aprendo un confronto tra i tecnici per verificare se davvero questa sia la soluzione giusta”.
Clicca qui per scaricare l’articolo tramite Archeopatacca

Fonte: La Repubblica, 14 settembre 2011
Di: Mario Neri

La Laika fa traslocare i resti etruschi. Ritrovati nell’area del futuro capannone:
la Soprintendenza dà l’ok al trasferimento. “No all’archeo-patacca”

Nella terra dei caravan anche un sito archeologico può traslocare. Succederà ai resti di un insediamento etrusco e a quelli di una villa romana di età imperiale ritrovati nel giugno 2010 a Ponterotto, pochi chilometri da San Casciano, dove la Laika caravans vorrebbe costruire il mega capannone progettato 11 anni fa per rilanciare la produzione dei camper nella Val di Pesa. Da un anno i lavori sono fermi. Nei 3 ettari destinati alla nuova fabbrica – e riconvertiti in area industriale con una variante ad hoc del Comune – gli archeologi procedono ancora con scavi e analisi, ma l’amministrazione di San Casciano ha già accolto le richieste della multinazionale: i reperti verranno ricollocati vicino al torrente Pesa «in modo da riprodurre la disposizione dei vani rispetto all’esposizione al sole e alla direzione dei venti», è scritto in una delibera approvata ad agosto. Il via libera è arrivato con il parere favorevole di Soprintendenza, ministero dei Beni culturali e Regione, eppure fa infuriare i comitati del Chianti. «Trasferendo i resti si creerà una “archeopatacca” – dice Giuseppe Pandolfi, presidente del circolo locale di Legambiente – Il comune avalla una speculazione.La salvezza dei posti di lavoro è una scusa, negli ultimi anni i fatturati di Laika sono scesi». Non sarà un parco archeologico farlocco, è invece la tesi della Soprintendenza: «Ci sono molti esempi di rovine ricollocate a favore di una maggiore tutela – spiega la soprintendente regionale Mariarosaria Barbera – e comunque il trasferimento è previsto dal codice dei beni culturali». Comitati e ambientalisti vorrebbero che Laika ridimensionasse i progetti. «Non più un grande capannone da 30mila mq, ma qualcosa meno, quanto basta per lasciare i reperti a loro posto», chiede anche Mauro Romanelli, consigliere regionale di Sel, che ieri ha presentato un’interrogazione urgente in consiglio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: