Tornano le motoseghe, abbattuti 30 alberi in via Gordigiani

Italia Nostra
Comitati dei Cittadini Firenze
Comitato Ex Panificio Militare
Associazione Piazza della Vittoria
Associazione Linea 3
Comitato Contro il Sottoattraversamento
Comitato San Salvi chi può

Comitato Popolare di Rifredi
Gruppo di Intervento Giuridico

Tornano le motoseghe di Palazzo Vecchio. Ieri abbattuti 30 alberi in via Gordigiani
Ecco la partecipazione di Matulli e Del Lungo.
Fermiamoli!

Nell’ambito dei lavori “di messa in sicurezza” del Mugnone, collegati al progetto TAV di sottoattraversamento e realizzazione della Stazione sotterranea di Foster agli ex Macelli (zona Corsica) ieri 9 marzo, in poche ore, sono stati abbattuti una trentina di alberi che costeggiavano il Mugnone sul lato di via Bonsignori (riva destra del Mugnone tra via Circondaria e via Mariti). Tra essi una ventina di superbi platani di 40-50 anni di età.
Malgrado le rassicurazioni fornite l’estate scorsa dall’Amministrazione ai residenti e un progetto alternativo concordato con il gruppo dei Verdi, malgrado l’impegno di molti comitati di cittadini e dell’Associazione Idra, le lettere alle autorità amministrative, gli esposti e i ricorsi al difensore civico della Regione Toscana e a quello del Comune di Firenze, l’Amministrazione Domenici continua a farsi beffe dei cittadini.
Come già per la Fortezza da Basso, come per il viale Morgagni, alla faccia della partecipazione continuamente annunciata e sempre smentita, si abbattono interi filari, si liquidano piante appena potate, si stravolge il paesaggio urbano consolidato in nome delle grandi opere.
In realtà, in seguito ai lavori per la messa in sicurezza del Mugnone, progetto approvato senza specifica valutazione di impatto ambientale, e in preparazione del passaggio della tramvia, ben pochi saranno gli alberi che sopravviveranno nella zona.
Tutto ciò mentre il Comune sponsorizza seminari sul “ruolo fondamentale svolto dalla vegetazione in ambiente urbano”, in una città soffocata dal cemento e continuamente minacciata da livelli di inquinamento oltre il limite di guardia.
Nei prossimi giorni questa amministrazione intende approvare un Piano Strutturale che prevede la cementificazione delle ultime aree libere in città, l’attacco alla collina e alle ultime aree verdi di pianura, la consegna alla speculazione edilizia di aree centrali decisive per il nostro futuro.

Impediamo all’amministrazione degli assessori dimissionari e sotto inchiesta
di fare ulteriori danni!

Imponiamo la moratoria di tutte le opere fino alle prossime elezioni amministrative!
Diciamo No all’approvazione del Piano Strutturale in questa legislatura!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: