Riflessioni sulla conferenza di Italia Nostra Toscana: l’attacco al territorio

Oggi 4 aprile a  Firenze si è tenuta presso il caffè ‘Giubbe Rosse’ la conferenza stampa organizzata da  Italia Nostra Toscana.

Il Presidente dell’associazione Nicola Caracciolo, e il consiglio direttivo regionale unitamente a membri del Consiglio nazionale hanno esposto alcune  delle più gravi emergenze ambientali che affliggono il nostro territorio a partire dal settore dell’urbanistica che appare senza governo in città e nei centri minori, per non parlare del paesaggio agrario minacciato dal proliferare ovunque di villettopoli, molte sono le emergenze segnalate dopo Monticchiello dalle catastrofiche previsioni in Val d’arbia quasi 1. 000.000 di metri cubi di cemento a quelle di Radicondoli, dalla trasformazione delle serre in abitazioni ai mega villaggi turistici. Altra nota dolente è rappresentata anche dalla  coltivazione  intensiva delle cave delle Apuane e non solo.
Oltre alla previsione di  grandi opere infrastrutturali come l’ampliamento dei porti o a  progetti di  nuovi aeroporti come quello di Ampugnano a Siena che comporterebbe un inutile devastazione di uno dei più rinomati paesaggi senesi, ai progetti della autostrada in  Maremma o quello della  Lucca- Modena.
Per ciò che riguarda la tramvia fioerentina, dopo il successo incassato dalla nostra associazione  nel referendum che ne chiedeva la moratoria Italia Nostra auspica,  come pare possibile dagli articoli usciti in questi ultimi giorni, che si possa evitare perlomeno l’attraversamento del centro storico, dato che va letto con  un’ottica diversa il piano Ataf del 2006 che prevede la totale pedonalizzazione del centro storico con la razionalizzazione di tutto il servizio di autobus (ecologici) nel cuore medievale della città.
Per concludere sono state prese in considerazione le problematiche relative agli impatti dovuti allo sviluppo delle nuove fonti di energia, dai cosidetti ‘termovalorizzatori’agli impianti eolici a quelli a biomasse, per non parlare della sciagurata ipotesi del ritorno al nucleare.
E’ stato perciò lanciato un appello pre-elettorale rivolto alle forze politiche, Italia Nostra ritiene assai grave che esse di fronte all’aggravarsi della crisi ambientale pretendano semplicemente, come stanno facendo in questa campagna,  che il problema non esista o sia trattato con superficialità. La crisi ambientale esiste ed è gravissima, trascurarla è un atteggiamento di grave irresponsabilità politica.
L’appello parte proprio dalla Toscana che è un simbolo a livello nazionale, perchè si tenga in debito conto l’enorme valenza che un territorio e una tradizione culturale come quelli toscani ricoprono  per il nostro Paese e a livello  mondiale.
Mariarita Signorini per Italia Nostra Toscana, gruppo di lavoro mobilità e gruppo di lavoro energia, Consiglio nazionale d’Italia Nostra

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: