E la chiamano partecipazione….

Comunicato stampa, Firenze 07 Marzo 2008

Tramvia, al via il percorso di partecipazione per le linee 2 e 3.
In arrivo cinque ounti informativi e il tavolo di sistema sulla mobilità.

La spedizione di materiale illustrativo a casa dei cittadini, l’apertura di cinque punti informativi, incontri con i progettisti per analizzare le criticità e le soluzioni area per area. E parallelamente l’avvio di un tavolo di sistema sulla mobilità con istituzioni, associazioni economiche, sociali e sindacali. Sono questi alcuni dei passaggi chiave del percorso di partecipazione per le linee 2 e 3 della tramvia presentato oggi a Palazzo Vecchio dal sindaco, dal vicesindaco, dall’assessore all’urbanistica e da quello alla partecipazione democratica.
Come annunciato dal sindaco il 18 febbraio in consiglio comunale durante l’illustrazione degli esiti del referendum, quindi, prende corpo il rilancio dell’attività di concertazione sulla tramvia attraverso due diverse iniziative. Una di carattere tecnico sui tracciati, suddivisi in aree omogenee, che coinvolgerà abitanti e operatori commerciali; l’altra di carattere più generale, con la costituzione del Tavolo di sistema sulla mobilità.
La prima iniziativa prevede l’apertura di una fase di analisi del tracciato delle linee 2 e 3 della tramvia, con l’obiettivo di valutare le modifiche apportate al progetto esecutivo e le eventuali ulteriori osservazioni. Il sindaco ha spiegato che questo lavoro ha l’obiettivo di dare risposte concrete a problemi concreti, problemi che sono emersi nel corso dei mesi passati e che adesso, in vista dell’avvio della fase esecutiva della progettazione, devono essere definiti. Ma il sindaco ha anche precisato che il lavoro in corso non riguarda i tracciati delle due linee, ormai definiti da tempo.
Nel confronto saranno coinvolti gli abitanti e gli operatori economici di ciascuna delle 11 aree omogenee in cui sono stati suddivisi i tracciati delle linee 2 e 3: sette per la linea 2 ovvero Peretola-Guidoni, Allori-Baracchini-Forlanini, viadotto-Bonsignori-Gordigiani, fermata tramvia alla stazione dell’Alta velocità-Belfiore, Belfiore-stazione Santa Maria Novella, Duomo-Cavour, Libertà; quattro per la linea 3 cioè Costituzione-Statuto, Muratori-Leopoldo, Leopoldo-Dalmazia e Morgagni-Careggi. In concreto sarà fornito preventivamente il materiale informativo sui temi e sulle finalità della discussione a residenti ed operatori economici delle singole aree e quindi sarà organizzata una serie di incontri con i progettisti e i cosiddetti “facilitatori”. Sarà questa l’occasione per analizzare gli elementi di criticità in relazione al dibattito nato sulle singole aree, presentare le soluzioni individuate e verificarne la condivisione. Inoltre saranno studiati da un punto di vista urbanistico gli interventi possibili per migliorare l’inserimento della linea tranviaria nel contesto urbano (reperimento posti auto, pedonalizzazioni, sistemazione aree a verde e via dicendo). Questa attività sarà organizzata in cinque punti informativi che verranno aperti ad hoc a partire da metà aprile: tre per la linea 2 (Novoli, stazione Santa Maria Novella, Parterre) e due per la linea 3 (Statuto e Dalmazia).
Il vicesindaco ha precisato che il lavoro di approfondimento ed elaborazione di soluzioni migliorative anche sulla base delle osservazioni dei cittadini è partito da tempo e ha già portato a un risultato concreto, ovvero una ipotesi di passaggio alternativo dalla tramvia in via dello Statuto, che consentirà di mantenere le alberature al centro della carreggiata. I binari saranno collocati sulla sezione sinistra della strada (guardando verso Careggi), l’altra sarà dedicata al traffico su gomma e resterà anche la sosta in linea. Non ci sarà quindi necessità di collocare cordoli a protezione della tramvia che sarà separata dai veicoli dal filare degli alberi. Quello di Statuto è solo il primo esempio del lavoro effettuato dall’Amministrazione, altre verifiche sono in corso e presto saranno illustrate le soluzioni progettuali migliorative.
Il confronto potrà partire dopo le elezioni politiche del 13 aprile (per la disciplina a cui si deve attenere la comunicazione istituzionale durante le campagne elettorali) e si concluderà presumibilmente entro il 30 giugno.
La seconda iniziativa prevede l’apertura del cosiddetto Tavolo di sistema sulla mobilità e prevede il coinvolgimento di istituzioni, associazioni economiche, sociali, sindacali e via dicendo. La base di confronto del Tavolo sarà il Pim (Piano integrato della mobilità), che sarà votato dalla giunta all’inizio di aprile. Il tavolo si aprirà subito dopo, parallelamente al normale iter amministrativo del Pim (ovvero esame e discussione del Piano nelle commissioni consiliari e in consiglio comunale). Oltre al tavolo principale, saranno costituiti dei tavoli di settore su singoli argomenti (linee Ataf, sosta, scarico merci etc).
Il Tavolo di sistema dovrà collegarsi all’attività dell’Associazione Firenze Futura del Piano Strategico per l’area fiorentina, a cui già partecipano gran parte dei soggetti coinvolti nel confronto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: