Firenze: cronistoria dello scempio del Piazzale Michelangiolo

Campeggio Michelangiolo: descrizione cronologica degli avvenimenti connessi al progetto di ristrutturazione, qualificazione ed adeguamento normativo

Firenze, marzo 2005
In seguito alla pubblicazione, da parte dei giornali (La Repubblica, 08.10.04), di notizie inerenti il progetto di “Ristrutturazione qualificazione ed adeguamento normativo del parco comunale di Campeggio Michelangiolo viale Michelangiolo 80 Firenze”, è nato il “Comitato per la salvaguardia della collina di Piazzale Michelangiolo”. I fondatori del Comitato, presa visione del progetto, si sono resi subito conto che quanto previsto dall’Amministrazione Comunale contrastava fortemente con la salvaguardia ambientale di quest’area nella quale la stessa Amministrazione mantiene rigide regole urbanistiche. Gli stessi fondatori del Comitato si sono preoccupati di accertare la fattibilità delle opere previste e, di conseguenza, raccogliere adesioni nel tentativo di ostacolare la realizzazione del progetto di ristrutturazione del Campeggio Michelangelo. Il Comitato ha subito chiesto al Sindaco, Leonardo Dominici, un incontro pubblico per chiarimenti sul progetto.  Il Comitato ha sempre relazionato con numerose assemblee, svoltesi presso la Casa del Popolo di S. Niccolò e presso la Parrocchia di Ricorsoli, ai cittadini del quartiere. In concomitanza è stata organizzata una raccolta di adesioni che al 05.02.05 ammontano a 2500 firme. Primo firmatario il poeta Mario Luzi, inoltre sono state ricevute adesioni da parte della Planet Life Economy Foundation (Presidente P. Ricotti), dal Dipartimento di Biologia Vegetale (Direttore R. Gabbrielli), Dal Comitato Ordinatore del Master in Architettura del Paesaggio (Coordinatore G. Ferrara) e dal Consiglio di Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Presidente A. Bencini).
Il Comitato per la salvaguardia della collina di Piazzale Michelangiolo ha anche pubblicato in rete un sito web (www.piazzalemichelangiolo.com) in cui sono riportate molte informazioni, tra cui una esaustiva e completa rassegna stampa sull’argomento e numerose foto recenti dei luoghi in oggetto.
Per l’intervento in questione l’Amministrazione Comunale aveva deliberato un Bando di Concorso di Idee con delibera n. 93/42 del 05.02.02. Nel bando è più volte espresso che particolare attenzione andrà posta al recupero delle aree a verde; vedi:

art. 1 – Oggetto del bando – … con particolare riferimento al recupero delle aree attribuite al Parco di Campeggio Michelangelo …
art. 2 – Finalità

  • Punto 1 – recuperare e riqualificare l’area prospiciente via dei Bastioni attualmente incolta e abbandonata …. – In realtà non è incolta e abbandonata ma vi è un oliveto.
  • Punto 5 – riqualificare il verde esistente, anche con nuovi impianti di vegetazione autoctona, allo scopo di migliorare l’inserimento dell’area nel paesaggio circostante e per creare uno stato di continuità dell’area medesima con il contesto paesaggistico della zona, al fine di garantire l’integrità della visione d’insieme con particolare riferimento ai luoghi di maggiore interesse turistico.
  • Punto 9 – …. I progetti presentati dovranno tenere conto altresì del particolare pregio artistico ed ambientale del contesto in cui è situato il Parco Comunale di Campeggio proponendo soluzioni che valorizzino l’attuale area non solo in funzione del Campeggio, ma anche in funzione del recupero vegetazionale e paesaggistico nella prospettiva di un inserimento dell’area nel sistema del verde urbano collinare.

Art. 7 – Commissione giudicatrice: composizione e funzionamento

Al punto 3 i Criteri di Valutazione riservano fino a 40 punti per la valutazione ai fini paesaggistici e per l’assetto vegetazionale a conferma della grande attenzione che il progetto vincitore avrebbe dovuto avere su questo argomento.
Il “Comitato per la Salvaguardia della Collina” ha avuto vari incontri e audizioni con Rappresentanti ed Uffici competenti per territorio:

  • Il giorno 22.11.04 presso il  Presidente del Quartiere 1
  • Il giorno 24.11.04 presso la Regione Toscana
  • Il giorno 1.12.04 presso la Commissione Urbanistica 3a del Consiglio Comunale
  • Il giorno 2.12.04 presso la “Commissione per il Territorio” del Quartiere 1
  • Il giorno 9.12.04 presso la Commissione Ambiente di Viabilità Urbana e Mobilità del Consiglio Comunale
  • I giorni 14.12.04 e il 20.12.04 presso La Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio
  • Il giorno 13.01.05 presso l’Assessore all’Urbanistica
  • Il giorno 11.02.05 presso il Vicesindaco e Assessore alla Mobilità presente anche l’assessore G. Biagi

In particolare, la Commissione Edilizia Integrata del 09.12.04, ha dato giudizio interlocutorio ovvero non ha approvato il progetto di ristrutturazione del Campeggio. Questo parere è scaturito anche a seguito della audizione del “Comitato per la Salvaguardia della Collina” presso la Commissione Urbanistica (Presidente A. Formigli) del Consiglio Comunale. Il Presidente A. Formigli ha riferito che l’aspetto tecnico di verifica del progetto è di competenza dell’Amministrazione ed il relativo parere ha valore probante per la stessa Amministrazione, ed inoltre l’iter del progetto potrebbe essere bloccato solo e soprattutto nel caso in cui si fosse riscontrata una discordanza tra le indicazioni politiche della Giunta Comunale, i contenuti del progetto ed il processo di approvazione amministrativo. A seguito di questa audizione i Consiglieri Donzelli Giogoli e Sgherri hanno fatto un comunicato stampa pubblicato il giorno successivo e rivolto all’Unione Europea con la richiesta che il Monte alle Croci fosse riconosciuto quale bene dell’Umanità dall’UNESCO.
Negli incontri dei giorni 13.1 e 11.2.05, l’Assessore G. Biagi ha dichiarato che il progetto va profondamente rivisto eliminando il parcheggio alla base del versante e che i campers avrebbero avuto allocamento nella parte bassa del Campeggio; inoltre, allo stato attuale, l’accesso di alcuni campers è inevitabile. Il Vicesindaco G. Matulli ha altresì fatto notare che l’ingresso dei campers diverrà presto problematico in quanto l’Amministrazione Comunale prevede di bloccare l’accesso in città dei grossi mezzi con motore diesel (SUV e mezzi similari).
Da tutti gli incontri avuti con rappresentanti delle Istituzioni e delle Pubbliche Amministrazioni è emerso, quindi, un generale consenso o attenzione al problema ed una generale condivisione del parere negativo espresso dal “Comitato per la Salvaguardia della Collina”.
Il “Comitato per la Salvaguardia della Collina” ha avuto vari incontri e audizioni con Rappresentanti ed Uffici competenti per territorio:

  • il 21.12.04 a Piazzale Michelangelo con una conferenza stampa indetta dalle Associazioni Ambientaliste e dal Comitato a cui hanno partecipato RAI 3, RTV 38, Toscana TV e Rete 37 le quali reti hanno trasmesso la notizia nei propri telegiornali la sera stessa.
  • Il 12.01.05, al Piazzale Michelangiolo è stata registrata una intervista per conto della trasmissione “Ufficio Reclami” della rete RTV 38, la quale è stata trasmessa il 6.02.05.

Allo scopo di ricordare l’alto valore storico, architettonico, paesaggistico ed ambientale del colle di Piazzale Michelangiolo (conosciuto col nome di Monte alle Croci) e supportarlo su base scientifica, il Dipartimento di Biologia Vegetale ed il Comitato per la Salvaguardia della Collina, hanno organizzato in data 5.02.05 un incontro dibattito presso l’Università di Firenze a cui hanno partecipato: Roberto Gabbrielli, Paola Grifoni, Gianni Biagi, Cesare Arretini, Nicola Cipriani, i quali hanno fatto i saluti delle autorità ed ai partecipanti per l’inizio dei lavori; i relatori Anna Benvenuti, Giovanni Cipriani, Zeffiro Ciuffoletti, Luigi Zangheri, Pier Virgilio Arrigoni e Claudio Margottini hanno raccontato la storia del colle, i suoi valori architettonici, paesaggistico-ambientali e sulla sua stabilità geomorfologica. L’assessore G. Biagi ha riferito in merito alla volontà del Sindaco Dominici di bloccare il progetto attuale, mentre lo stesso assessore ha riferito della necessità di una profonda revisione del progetto prendendo in considerazione una eventuale dislocazione dei campers in aree limitrofe alla città.
Il 19.02.05 alcuni abitanti della zona sono stati testimoni di lavori in corso nell’area del campeggio, nella sua parte bassa; mentre i Consiglieri del Giardino dell’Iris sono stati testimoni di lavori di sbancamento il giorno precedente 18.02.05 nelle zone limitrofe al Giardino.
In particolare nella parte bassa limitrofa a via dei Bastioni, una ruspa ha eseguito movimenti di terreno costruendo piazzole pianeggianti, dove c’era un versante acclive, con asportazione di alcune piante di olivi. I lavori erano mal celati da una serie di pali di colore verde, alti circa 2-3 metri, che sostenevano una rete verde semitrasparente tipo floricoltori.
Lo stesso giorno, il rappresentante del Comitato (C: Arretini) ha telefonato ai Vigili Urbani (sede di Porta Romana) chiedendo informazioni in merito. Dopo aver effettuato un controllo, i VVUU hanno risposto che si tratta di lavori connessi ad una riparazione della rete idrica. Non soddisfatti i rappresentanti del Comitato hanno preso ulteriori informazioni presso l’Amministrazione Comunale ed è emerso che nessuna delibera per alcun tipo di lavori è stata rilasciata per il Campeggio Michelangelo si ritiene pertanto che detti lavori siano abusivi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: