Firenze – Sorgane: il rebus di un parco pubblico intercluso e in pericolo di decurtazione

Firenze, giugno 2005
Per mettere a fuoco la paradossale situazione del Parco Pubblico di Sorgane, l’unica ridotta aree verde esistente ma che da anni è recintata e preclusa alla civica fruizione, è stato effettuato, in data 11 Maggio u.s., un sopralluogo presso le aree immobiliari poste tra le vie B. Croce e Isonzo, interessate dalla lottizzazione di cui in oggetto; il sopralluogo, avvenuto relativamente alle “aree destinante a verde pubblico attrezzato di quartiere e verde sportivo di interesse territoriale” ha dato il seguente esito.
Le aree destinate a verde pubblico, identificabili rispettivamente nel foglio di mappa numero 146, particella 347 di metri quadri 3800 circa, particella 430 di metri quadri 3220 circa, particelle 546 e 547 di metri quadri 2875 circa, e particella 588 (ex 37) di metri quadri 5280 circa – destinazione di piano “verde pubblico” – risultano pressoché completamente urbanizzate tramite la realizzazione di tracciati interni di collegamento costituiti da materiali prefabbricati, dotate di pozzetti di irrigazione e punti di illuminazione collegati con un piccolo parcheggio terminale sul finire dei lotti, a margine del campo di calcetto esistente.
L’ingresso alle aree così attrezzate – previste dalla Convenzione del 4 Novembre 1998 – repertorio n. 18364 – raccolta n. 2154, come da rogito del Dott. Massimo Palazzo notaio in Pontassieve – deve avvenire tramite due grandi cancelli posti sul lato del Viale B. Croce da Via Isonzo che danno accesso alle due aree contigue tra loro, mettendo in comunicazione ideale l’area a verde pubblico e l’area a verde sportivo, ove risulta ubicato un campo di calcetto recintato e reso indipendente dalla vicina area di maggiore estensione.
Come già enunciato, l’intera consistenza immobiliare risulta non fruibile dai cittadini residenti, in quanto i cancelli di accesso risultano chiusi, e l’ingresso per le misurazioni delle aree al momento del sopralluogo è potuto avvenire grazie all’esistenza di un varco nella recinzione metallica esistente sul lato adiacente al campo di calcetto. Tale spazio attrezzato può essere utilizzato solo in maniera estemporanea dai giovani i quali vi arrivano attraverso questo ingresso di fortuna.
L’Associazione Ambientalista Italia Nostra è stata interessata ad occuparsi della mancata apertura e fruibilità dell’area pubblica sopra descritta, da numerosi cittadini che aspettano ormai da anni la possibilità di accedervi come previsto: l’attrezzatura di quello che dovrebbe essere il giardino pubblico, per quanto attiene i punti luce, risulta individuabile con l’esistenza degli alloggiamenti dei paloni di sostegno dell’illuminazione, i quali ancora non risultano essere stati apposti nelle sedi in muratura già realizzate.
Per quanto sopra esposto si chiede all’Amministrazione Comunale ed agli uffici competenti di effettuare il completamento delle opere previste e operare il collaudo delle stesse, concedendo infine la fruibilità dell’opera ai cittadini del quartiere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: