Il golf, l’acqua ed il resto

Fonte:  Il Manifesto di Firenze il 25/05/2007
Di: Maria Rita Signorini, Consigliere nazionale Italia Nostra

La Toscana si sta orientando verso un nuovo tipo di sviluppo, quello legato ai campi da golf, uno sport questo destinato a ceti sociali alti, basta guardare i costi d’iscrizione a un qualsiasi club, ma con pochissima ricaduta sul territorio, dato che tutte le esigenze si prevede di soddisfarle all’interno delle club-hauses di nuova costruzione, affiancate, nella migliore delle ipotesi, ad antiche coloniche stravolte da restauri in funzione della loro nuova vita. Com’è ovvio si dovrà poi procedere alla costruzione di nuove strade, e a reperite le risorse idriche necessarie in momenti come questo e per gli anni a venire, di cronica mancanza d’acqua, per mantenere ettari di pratino, che necessita dell’uso di concimi e pesticidi, che di sicuro non giovano all’ambiente, né alla salute delle popolazioni, col pericolo di prosciugare pozzi e sottrarre acqua potabile per gli usi agricoli.
A Bagnaia dunque si costruiranno 65.000 metri cubi di nuove costruzioni nonostante il recupero di volumetrie esistenti per 41.000 metri cubi, per permettere a golfisti d’oltralpe vacanze doc, se non addirittura l’acquisto di nuove case in zone tutelate, o comprese tra le stesse ‘invarianti strutturali’  tra cui il ‘patrimonio collinare’ che il PIT si propone di salvaguardare.
A Capolona, (Ar) si sta predisponendo un enorme campo da golf (36 buche) anche in questo caso si progetta di trasformare irreversibilmente il territorio, stravolgendo zone sottoposte a tutela del paesaggio (:aree boscate, ciglionate, terrazzamenti, oliveti e alberature esistenti) a vantaggio di pochi e sottraendo, alla fruizione degli abitanti locali e ai turisti, aree di pregio di alto interesse storico.
Eppure ovunque si avanzano ancora richieste di nuovi campi da golf: a Montalcino, a Chianciano, a Monticiano, Radicondoli, Castelnuovo Berardenga, Sovicille. A Lucca in un recente passato c’è stata la proposta di far nascere un campo da golf, esattamente nell’ambito del Parco Fluviale del Serchio (loc. Sant’Alessio), in un’area agricola indenne, che conserva ancora la vecchia struttura territoriale delle corti rurali, un’area insomma di grande interesse storico-paesaggistico, poiché è una delle ultime nel comune di Lucca che conserva la struttura agricola storica  della pianura. A questo proposito basti pensare a ciò che già è successo alla tenuta cinquecentesca delle Cascine di Tavola a Prato, voluta e progettata da Lorenzo il Magnifico: la prima sperimentazione in Toscana di Cascina all’uso lombardo, con la separazione tra l’edificio della Villa (la celeberrima di Poggio a Caiano) con la Fattoria. Ora la Tenuta è stata frazionata in più parti, e accoglie un campo da golf di 18 buche!
In altri luoghi, in fase ancora di non dichiarata fattibilità, in provincia di Siena, trapela che sono ben 9-10 i Comuni che ne hanno fatto richiesta. Si consideri inoltre che ogni impianto per essere un investimento che stia in piedi deve prevedere obbligatoriamente oltre 250 posti letto. Tanto per dare un’idea solo Radicondoli ne richiede 750, allora si arriva alla situazione paradossale che per esempio in provincia di Siena si potrebbe arrivare a contare dai 16-18 mila posti letto per giocatori di golf!
Italia Nostra sostiene che a questo modello di sviluppo si debba porre subito un freno, e si ribadisce che in attesa che la legge regionale 1/2005 diventi completa, con l’approvazione definitiva del PIT (piano d’indirizzo territoriale della Regione), ora in adozione, quest’ultimo dovrà necessariamente essere conforme al tanto atteso Piano Paesistico dotato di norme di tutela cogenti, come prevede il Decreto dei Beni Culturali e del Paesaggio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: