Italia Nostra: eolico a Capraia? Di nuovo no grazie‏

Fonte: www.giglionews.it
Di: Mariarita Signorini, Consiglio Nazionale Italia Nostra

Isola del Giglio – 24 Marzo 2009

Capraia: l’isola del tesoro derelitto

”Capraia vuole eolico, sole e maree”, così si intitola un pezzo recentemente pubblicato sulla stampa (La Nazione del 17 marzo), nel quale si dà notizia che Sindaco e maggioranza al governo dell’isola, hanno previsto un accordo con Greenpower di ENEL, per l’installazione d’impianti per la produzione d’energia elettrica da fonti alternative, non solo poco impattanti come il solare, ma anche ad alto impatto ambientale e paesaggistico, come le torri eoliche. Gli amministratori di Capraia non sono nuovi a iniziative provocatorie – vedi la proposta di un anno fa per l’impianto di un bruciatore di immondizia in una delle cale più belle dell’isola – ma non possono affatto essere presi alla leggera, come semplici burloni in vena di scherzi, stante l’asserito coinvolgimento nell’iniziativa di ENEL, non nuova a proposte d’impianto di paloni eolici nelle isole del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.
Con la scusa del fatto che il Parco ha nominato Capraia “isola no-oil”, evidentemente qualcuno spera di poter tornare alla carica e di riuscire ad aggirare gli ostacoli che sono stati accortamente frapposti dalla Regione Toscana, con l’esclusione delle isole del Parco, dall’elenco dei siti adatti all’eolico, e dalla legge 394/91, la quale prevede, all’interno dei Parchi Nazionali, una rigorosa salvaguardia dell’ambiente e del paesaggio.
Ambiente e paesaggio che sarebbero irreversibilmente compromessi dalla messa in opera d’impianti industriali come le torri eoliche, che il Sindaco di Capraia vorrebbe addirittura fossero collocate nella zona più alta dell’isola (tra il Monte Castello e il Monte delle Penne), quella più in vista, e più dominante sul porto e sul paese.
Nessuno può ignorare che l’integrità dell’ambiente naturale e del paesaggio sono il tesoro vero della Capraia; nessuno può ignorare che quanto più intatto resta il suo aspetto, tanto più garantito sarà lo sviluppo di quel turismo di qualità al quale l’isola da sempre aspira e nel quale gli isolani ripongono le loro uniche speranze di benessere.
Come è possibile, allora, che lo ignorino gli amministratori isolani e che, questi si propongano addirittura di facilitare quanti questo tesoro vogliono sciattare? E non sono poi i cittadini di Capraia, a volere l’eolico, ma solo la maggioranza al potere in comune, mentre la minoranza e varie associazioni attive sull’isola, pur d’accordo sul ricorso alle fonti alternative, hanno sempre sostenuto il solo ricorso al solare, da progettare con accortezza, d’allocare in aree selezionate da esperti, le più mimetizzate, per limitare al massimo l’impatto visivo su chi all’isola arriva dal mare, su chi l’isola gode per le sue vacanze e su chi nell’isola vive tutto l’anno.
Italia Nostra, preoccupata per il percorso che l’amministrazione comunale di Capraia ha irresponsabilmente intrapreso, chiede alle competenti Autorità Regionali e alla amministrazione del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano di fare prontamente chiarezza sull’argomento e di confermare, una volta per tutte, l’assoluta indisponibilità del territorio di Capraia alla messa in opera di impianti industriali ad alto impatto, come le torri eoliche.

Fonte: www.tenews.it

Scontro sull’eolico, e Italia Nostra dà battaglia
Un caso emblematico che potrebbe ripetersi anche all’Elba.
Il Sindaco vuole installare a Capraia gli impianti per l’energia del vento, puliti ma impattanti. Ambientalisti divisi. Ma c’è chi difende il paesaggio

Si apre a Capraia l’ultimo fronte sull’ambiente. Una contesa emblematica, che potrebbe riproporsi presto anche all’Elba, e che spacca in due il mondo cosiddetto ambientalista. Il caso è quello dell’eolico: l’installazione di pale per la produzione di energia elettrica dal vento. Sindaco e maggioranza di Capraia hanno previsto un accordo con Greenpower di Enel per l’installazione d’impianti per la produzione d’energia elettrica da fonti alternative. Non solo poco impattanti come il solare, ma anche ad alto impatto ambientale e paesaggistico, come le torri eoliche.
Ma il progetto non convince. Anche perchè, se alcune associazioni come Legambiente hanno convinto molti che l’ambiente è una cosa diversa dal paesaggio, e sono generalmente favorevoli all’eolico, molte altre danno battaglia per affermare l’idea che l’ambiente è anche paesaggio, non prescinde dal paesaggio. Per questo Italia Nostra non ci sta, non vuole riempire di pale l’isola: “Gli amministratori di Capraia – dice Mariarita Signorini, del Consiglio nazionale d’Italia Nostra – non sono nuovi a iniziative provocatorie, vedi la proposta di un anno fa per l’impianto di un bruciatore di immondizia in una delle cale più belle dell’isola – ma non possono affatto essere presi alla leggera, come semplici burloni in vena di scherzi, stante l’asserito coinvolgimento nell’iniziativa di Enel, non nuova a proposte d’impianto di paloni eolici nelle isole del Parco nazionale dell’Arcipelago toscano”.
Italia Nostra dà battaglia: “Con la scusa del fatto che il Parco ha nominato Capraia “isola no-oil”, evidentemente qualcuno spera di poter tornare alla carica e di riuscire ad aggirare gli ostacoli che sono stati accortamente frapposti dalla Regione Toscana, con l’esclusione delle isole del Parco, dall’elenco dei siti adatti all’eolico, e dalla legge 394/91, la quale prevede, all’interno dei Parchi Nazionali, una rigorosa salvaguardia dell’ambiente e del paesaggio Ambiente e paesaggio che sarebbero irreversibilmente compromessi dalla messa in opera d’impianti industriali come le torri eoliche, che il sindaco di Capraia vorrebbe addirittura fossero collocate nella zona più alta dell’isola (tra il Monte Castello e il Monte delle Penne), quella più in vista, e più dominante sul porto e sul paese. Nessuno può ignorare che l’integrità dell’ambiente naturale e del paesaggio sono il tesoro vero della Capraia; nessuno può ignorare che quanto più intatto resta il suo aspetto, tanto più garantito sarà lo sviluppo di quel turismo di qualità al quale l’isola da sempre aspira e nel quale gli isolani ripongono le loro uniche speranze di benessere. Come è possibile, allora, che lo ignorino gli amministratori isolani e che, questi si propongano addirittura di facilitare quanti questo tesoro vogliono sciattare?”.
Per Italia Nostra “non sono poi i cittadini di Capraia, a volere l’eolico, ma solo la maggioranza al potere in comune, mentre la minoranza e varie associazioni attive sull’isola, pur d’accordo sul ricorso alle fonti alternative, hanno sempre sostenuto il solo ricorso al solare, da progettare con accortezza, da allocare in aree selezionate da esperti, le più mimetizzate, per limitare al massimo l’impatto visivo su chi all’isola arriva dal mare, su chi l’isola gode per le sue vacanze e su chi nell’isola vive tutto l’anno”.
Italia Nostra, preoccupata per il percorso che l’amministrazione comunale di Capraia ha irresponsabilmente intrapreso”, chiede alle competenti autorità regionali e alla amministrazione del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano di fare prontamente chiarezza sull’argomento e di confermare, una volta per tutte, la assoluta indisponibilità del territorio di Capraia alla messa in opera di impianti industriali ad alto impatto, come le torri eoliche.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: