Italia Nostra Firenze e Comitati dei Cittadini – Firenze: fermiamo la devastazione del Galluzzo

COMITATI DEI CITTADINI – FIRENZE
ITALIA NOSTRA

Com’era verde la mia valle…
(Fotocronache dal Galluzzo) – 1° 

Si sta per compiere la profanazione di un altro dei luoghi mitici dei dintorni di Firenze: il territorio attorno alla Certosa del Galluzzo, alla confluenza dell’Ema con la Greve, lungo la via Senese.
Qui, contestualmente alla realizzazione della terza corsia del tratto fiorentino dell’A1, è in corso di ultimazione il by-pass del Galluzzo, un raccordo stradale che in località Ponte all’Asse corre lungo gli antichi terreni delle grange cistercensi, con tratti a raso e in galleria, fino a raggiungere la  Firenze-Siena a sud. Notizie sui danni e sui contenziosi con i proprietari erano già comparse a suo tempo sulla stampa e Italia Nostra le ha documentate nel corso degli ultimi otto anni.
Niccolò Acciaiuoli, Gran Siniscalco del Regno di Napoli ma appartenente alla famiglia dei banchieri fiorentini, aveva fondato la Certosa nel 1342 per testimoniare il suo affetto per la città. Isolato su un erto colle con le mura coronate dalle celle dei monaci, l’edificio si caratterizza ancor oggi per l’aspetto di turrita fortificazione. I monaci e la città di Firenze con i suoi governanti avevano sempre fatto sì che nessuno costruisse nelle sue vicinanze. Fino agli anni ’60 del secolo scorso aveva mantenuto questo carattere, nonostante i rimaneggiamenti e le vicende storiche.
Della Certosa è debitore anche il Movimento Moderno in architettura. Nel 1907, durante il suo viaggio in Toscana, il giovane Edouard Jeanneret (poi noto come Le Corbusier) la elesse a fondamentale fonte di ispirazione per molti aspetti della sua opera futura.
Non si tratta però solo di lavori autostradali. La spinta a saldare i centri abitati occupando brani residui di paesaggio aperto è fortissima ed è sostenuta, oltre che dai lavori infrastrutturali, anche dalle indicazioni dell’imminente Piano Strutturale.
Vanno in questa direzione anche l’occupazione con un ennesimo centro commerciale di un residuo brano di campagna accanto all’imbocco del by-pass in direzione di Firenze, così come il permesso concesso per la costruzione, lungo via delle Bagnese, dell’ennesimo edificio commerciale progettato dal geom. Alberto e realizzato da Quadra-progetti
Ecco una prima documentazione fotografica.

Area agricola adiacente alla via Senese a nord dell’abitato del Galluzzo, destinata alla costruzione del supermercato Esselunga. Sullo sfondo, a destra la Certosa

La nuova rotatoria che immette al by-pass di via delle Bagnese

Paesaggio collinare aperto nel Comune di Firenze, tra l’abitato delle Due Strade e il Galluzzo

Il nuovo edificio “commerciale” ricavato da una costruzione transitoria nella valle della Greve, in zona di inalterabilità del paesaggio storico collinare, in ambito di reperimento parchi, riserve e aree naturali e a rischio di esondazione

L’uscita nella valle della Greve della galleria proveniente dalla Firenze-Siena

Effetti delle opere sui terreni circostanti

L’uscita del by-pass di via delle Bagnese

 

Annunci

2 Risposte

  1. Non sono affatto d'accordo con l'essere contro il bypass, anzi lo trovo estremamente necessario.Un collegamento come quello offerto dal tunnel, e dalle due rotatorie libererà finalemente noi cittadini e usufruitori di quelle strade di poterci passare senza rischiare code, incidenti e grattacapi.Continuamente si assiste a blocchi circolatori per via di ambulanze, minibus, imbranati, le curve e la salita sono l'incubo di ogni neopatentato, mentre se piove non è raro trovare il motorino sdraiato o il dritto nel guard rail.L'opera è effettivamente brutta e ciclopica per la piccola insenatura ma purtroppo è assolutamente necessaria.Discorso diverso per quello sgorbio architettonico, andrebbe anzi spianato e allargata la strada!!

  2. La penso esattamente nel solito modo!
    L'opera è troppo necessaria per liberare un area della città completamente in preda al traffico. Inoltre permetterebbe a noi senesi di raggiungere Firenze in tempi minori, evitando di passare un ora in coda al Galluzzo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: