La denuncia di Italia Nostra: Firenze si sgretola

Cliccate sulle immagini che seguono per ingrandirle e leggere l’articolo che La Nazione (o leggetelo di seguito)dedica oggi alla battaglia che Italia Nostra porta tenacemente avanti contro il degrado in cui versano i nostri beni culturali.
Alcuni esempi tra tutti i monumenti che stiamo perdendo a causa dello smog sono il Perseo di Cellini e il Ratto delle Sabine nella Loggia dei Lanzi, il volto dei leoni alla base della statua di Dante in Santa Croce ed alcune sculture del Duomo.

Fonte: La Nazione, 05/12/2010
Di: Agata Finocchiaro

“Firenze si sgretola” Italia Nostra lancia l’sos
Viaggio tra i capolavori a rischio. “Il Perseo e il Ratto delle Sabine vanno protetti. Al loro posto si mettano le copie” 

«E’ iniziata la fase discendente del patrimonio artistico fiorentino. Palazzi e sculture hanno più di 500 anni e dobbiamo cominciare a considerarli come una persona molto anziana e bisognosa di cure».
A lanciare l’allarme è Mariarita Signorini, restauratrice e componente del direttivo nazionale di Italia Nostra (associazione per la tutela del patrimonio storico, artistico e ambientale) che rilancia: «Ci sono sculture come i leoni del portale laterale del Duomo, nella facciata nord, che ormai sono visibili solo sui libri. Criniera e volto sono stati corrosi dal tempo e dall’incuria. La stessa sorte, se non facciamo qualcosa, toccherà al Perseo di Cellini e al Ratto delle Sabine del Giambologna, entrambi restaurati otto anni fa ma già in condizioni critiche». In occasione di Florens 2010, La Nazione aveva lanciato l’allarme sui tesori da salvare, anche in base alle indicazioni di un recente libro di Francesco Gurrieri.
Dalla Loggia dei Lanzi, che offre un riparo parziale a due capolavori del Rinascimento, inizia il viaggio nel patrimonio fiorentino che si sgretola. Con Mariarita Signorini a fare da guida. «Abbandoniamo l’idea che ci sia qualcosa di eterno, il tempo e il clima riescono ad erodere tutto. L’aria di Firenze, poi, è impietosa: è davvero una “mal’aria”. La pietra forte e la pietra serena hanno una loro durata, che è giunta all’apice; ora sta iniziando la fase discendente, le pietre si stanno ritrasformando in carbonato di calcio a causa degli agenti atmosferici e della lunga esposizione all’aperto. Basta sollevare lo sguardo per rendersi conto che stiamo perdendo tutti gli stemmi gentilizi dei palazzi nobiliari e, cosa più grave, stiamo assistendo al deterioramento delle sculture poste all’esterno senza fare nulla. Va un po’ meglio per i palazzi perché i conci di pietra sono più robusti e l’incastro lascia esposta una sola faccia, ma Pitti e Palazzo Vecchio mostrano delle microlesioni al livello del basamento, dovute all’infiltrazione della pioggia».
I nemici giurati del patrimonio artistico fiorentino, per Signorini, hanno un nome: inquinamento atmosferico, tropicalizzazione del clima con abbondanti piogge, e atti di vandalismo. Mali per cui esiste un solo rimedio: «Ricoverare tutte le statue a Orsanmichele e mettere al loro posto delle copie fedeli, come è stato fatto per il basamento in marmo del Perseo. Oggi ci sono tecniche di riproduzione che non consentono di distinguere un falso dall’originale, tutte le sculture delle nicchie esterne di Orsanmichele, ad eccezione di una, sono riproduzioni e nessuno ha mai trovato nulla da ridire. Piuttosto è scandaloso che, dopo otto anni dall’ultimo restauro, il Perseo e il Ratto delle Sabine siano nuovamente in condizioni critiche, come gran parte delle sculture della Loggia dei Lanzi. Senza contare quanto ci costano i vigilantes per evitare gli atti di vandalismo».
Nel Ratto elle Sabine, come nel Perseo, la restauratrice punta il dito contro le sgorature dell’acqua nella parte della scultura non coperta dalla Loggia. «Basterebbe almeno arretrare le statue, se proprio non si vogliono sostituire con delle riproduzioni. Dopo il restauro, l’Opificio delle pietre dure aveva raccomandato di trasferirle in un ambiente protetto e a clima controllato. Fu risposto che non si poteva riempire la città di falsi e che dovevano restare nel salotto buono. Manca una politica lungimirante, capace di fare scelte coraggiose ma necessarie. Siamo grati al sindaco per la pedonalizzazione del Duomo che ha ridotto lo smog, ma ora serve un passo ulteriore per proteggere questi capolavori, non basta “elettrificare” il Perseo per evitare che le colombe si poggino sulla statua e la deturpino, come avviene nelle altre, occorre mettere al riparo i nostri tesori. Il Biancone di piazza della Signoria potrebbe essere ribattezzato “Giallone”, tanto è incartapecorito il marmo. E’ inutile organizzare grandi eventi come il Florens 2010 se poi il patrimonio che Firenze mostra al mondo si sgretola sotto gli occhi di tutti».
Italia Nostra, assieme a diverse associazioni cittadine, ha scritto una lettera aperta al sindaco Matteo Renzi e al presidente di Florens 2010 Giovanni Gentile per lanciare l’appello: «Salviamo il nostro patrimonio culturale dallo smog» perché «non ci può essere valorizzazione senza tutela». Ma la battaglia della Signorini non si ferma ai tesori del ’500: «Anche se la scultura di Dante in Santa Croce è più giovane di 300 anni, rispetto a quelle del Rinascimento, questo non giustifica lo stato di degrado a cui sembra condannata l’opera. Il volto del sommo poeta è scurito dallo smog e le teste dei leoni sul basamento presentano i segni della sgoratura dell’acqua piovana e persino tracce verdastre di muschi. Seguiamo con apprensione i crolli di Pompei, senza renderci conto che il declino del nostro patrimonio artistico è più subdolo perché silenzioso e altrettanto inesorabile».

Advertisements

Una Risposta

  1. […] Italia Nostra Onlus Sezione di Firenze: La denuncia di Italia Nostra: Firenze si sgretola, 5/12/2010, Intervista della Nazione a Mariarita Signorini, Italia Nostra […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: