Parcheggio di via del Gelsomino: dopo aver divorato la Piana ora si divora la collina

Comunicato stampa Italia Nostra Firenze, 7 agosto 2008

Un pezzo intero di collina, l’unica ampia area verde posta tra le abitazioni che si affacciano su via del Gelsomino, viene completamente devastata e l’enorme massa di terra, considerato che si scava una fossa per un dislivello di circa 10 metri dalla sommità del poggio fino ad arrivare quasi al piano stradale, viene portata via e distesa sulla vicina collina, che sovrasta in via Senese il Cimitero degli Allori, un’area molto rilevante dal punto di vista paesaggistico, si assiste peraltro ad una ‘spalmatura’ d’inerti per niente omogenei sia per composizione, sia dal punto di vista della fertilità: raramente dunque potrà nascere un solo filo d’erba su questo nuovo deposito.
Come è stato possibile che il piano Strutturale abbia potuto consentire un’operazione speculativa così rilevante sul San Gaggio a poche centinaia di metri dal Poggio Imperiale?
Eppure l’Amministrazione è riuscita a far approvare a tutti gli uffici ed Enti competenti questa operazione proprio laddove avrebbe dovuto essere realizzato invece del verde sportivo.
E sarà ricavato, sopra ai nuovi box auto di cui già ora si reclamizza la vendita, un misero giardino di superficie, per mascherare la reale consistenza dell’intervento, dunque unico indennizzo per la collettività sarà un giardinetto pubblico dove mai potranno essere piantati alberi ad alto fusto, mentre invece non mancheranno di sicuro i bocchettoni per le prese d’aria dei garage sottostanti.
Se tutto ciò è stato possibile, allora viene spontaneo dubitare fortemente della validità del nuovo Piano Strutturale del Comune di Firenze, ancora in adozione e al quale sono state presentate da tempo centinaia di osservazioni e tra queste anche quella di Italia Nostra che notava con sorpresa come vaste aree collinari di Firenze, già comprese nel relativo Parco delle Colline da vigente Piano Regolatore, fossero invece state deperimetrate e presentate come ‘zone bianche’ urbane senza particolari vincoli, in un Piano Strutturale che dice di voler tutelare la collina! Il Consiglio Comunale non ha dato ancora le debite risposte alle osservazioni: certo che se questa è la politica di tutela delle colline fiorentine, allora c’è veramente da temere per la salvaguardia del nostro paesaggio dove, al di là degli enunciati si può fare veramente di tutto all’insegna della cementificazione e dell’investimento immobiliare.
Mariarita Signorini, Consiglio nazionale Italia Nostra

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: