I No tramvia: “Renzi annulli la Linea 2 e 3”

Fonte: Il Sito di Firenze
Di  Filomena DAmico

In programma il 25 maggio una fiaccolata
da Piazza della Costituzione a Piazza Dalmazia

“Se a Renzi manca  il coraggio di rispettare la volontà dei fiorentini  e non ha sufficiente forza per fermare un’ opera demenziale come la linea 3 della tramvia; allora mi domando: come potrà fare, qualora raggiungesse il suo obiettivo di diventare Primo Ministro,  a risollevare le sorti dell’ Italia dalla bancarotta incalzante?”
All’indomani della votazione della delibera di Giunta che annuncia la ripresa a luglio dei lavori per la tramvia (Linea 2 e 3), sempre che le banche diano l’avvallo, Mario Razzanelli torna a urlare il suo NO alla Linea 3. La definizione preferita dal consigliere e che va ripetendo  come un mantra nelle varie interviste e conferenze stampa è sempre la stessa: “è un progetto demenziale!”.  Poi sventolando un volantino con la scritta “RENZI NON FARE IL SORDO” si rivolge proprio al Sindaco dicendo:  “abbia la forza di  cambiare questo progetto con la stessa energia che adopera per reclamare  le primarie del PD” insiste.
Al fianco di Razzanelli, ancora una volta i rappresentanti dei comitati cittadini, quegli stessi che promossero con lui il referendum antitramvia del 2008 e che ora hanno in programma una fiaccolata anti Linea 3 che si svolgerà il 25 maggio.
In rappresentanza dell’Associazione Linea 3 è intervenuta oggi Maria Rita Monaco: “Andiamo a vedere davvero come si fanno le tramvie all’estero o anche qui in Italia: la città di Brescia può essere un esempio. In campagna elettorale Renzi ci disse che era contrario alla tramvia omettendo di dire che, quale Presidente della Provincia lui stesso firmò i protocolli con la Regione e Comune”.
Maria Rita Signorini membro di Italia Nostra e rappresentante dei comitati di Coordinamento 20 gennaio chiede che il Comune annulli sia il progetto della 2 che della 3. “ La crisi economica ha imposto una rinegoziazione dei prestiti bancari, a fronte di costi più elevati per i costruttori e un tasso di interesse aumentato dal 5% a oltre il 7%. Ma il fallimento delle ditte costruttrici e i termini ormai scaduti sollevano il Comune da qualunque onere economico: le linee 2 e 3 potrebbero essere annullate senza pagare nessuna penale. Invece nel bilancio 2012 sono stati ‘previsti’ per la Linea 2 e 3,  37 milioni  di euro, di cui più di 22 milioni dovrebbero venire da improbabili quanto incerte alienazioni. Non solo ma i cantieri coincideranno con la fase più critica dei lavori della stazione Foster con pesanti ricadute sulle attività produttive e commerciali.  Non riusciamo proprio a capire perché ci si ostini ad andare avanti in un progetto così  costoso, vecchio  e impattante per l’ambiente”.
Per questo continueremo a darci da fare con tutti i cittadini per chiedere la cancellazione della Linea 3;  al contrario non ravvisiamo grossi problemi per la linea 5 (Careggi –Tabacchi)  eLinea  4 (Piagge- Leopolda)”.
“E grave che un  sindaco che fa della partecipazione il suo cavallo di battaglia,  poi si dimentichi di ascoltare i propri  cittadini” – dice Luciano Ghinoi di Associazione Piazza Vittoria –  Ed è allarmante che in un una città come Firenze ancora una volta siamo costretti a scendere in piazza per essere ascoltati, quando ormai da più parti si è riconosciuto la criticità di questo progetto.
Tra i presenti alla conferenza anche Marco Cordone, consigliere provinciale Lega Nord, che a suo tempo partecipò alla raccolta firme per il referendum del 2008  e che ha confermato il suo pieno appoggio alla manifestazione del 25 maggio.  “Non sono qui per politicizzare l’iniziativa – ci tiene a specificare- ma come cittadino. Firenze sarà soggetto a uno scempio senza precedenti tra Tav e Cantieri tramvia; immaginate  – dice-  un incidente in via dello Statuto, una volta che sarà interamente occupata dalle rotaie,  in caso d’urgenza per arrivare a Careggi ci vorrà l’elicottero”.

Annunci

Una Risposta

  1. E’ deprimente dover constatare che Firenze, dopo essere stata governata nel Suo splendore dai Medici, oggi sia gestita dai celebrolesi dellaTRAMVIA,
    dei TUNNEL TAV, della STAZIONE FOSTER e dagli ZAR DEL CEMENTO.
    Tutto questo per il loro interesse (solo politico?) e non certo per quello di Firenze!!!! Scusate lo sfogo, ugo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: