Non competente …. Ponzio Pilato anche dove soffia il vento

Fonte: Federazione Liste Civiche – Insieme Per Cambiare

“Non competente a valutate questioni relative alla Valutazione di Impatto Ambientale del parco eolico” e la procedura di oggi riguarda esclusivamente l’ottemperanza da parte del committente alla prescrizione b17 (parere favorevole di Terna al progetto di allaccio alla rete elettrica nazionale) quindi l’Ing Aldo Ianniello, funzionario regionale responsabile del procedimento da lui stesso avviato, decreta di archiviare la procedura. Ora la palla passa ad altro dirigente che il presidente Rossi deve ancora nominare perché, guarda a caso, nel frattempo ha azzerato l’ufficio via regionale togliendolo anche dalle competenze dell’assessore Bramerini.
La conferenza dei servizi convocata per il 13 luglio in autotutela dall’ufficio regionale Settore Energie per l’annullamento parziale dell’autorizzazione unica del Parco Eolico Riparbella si è auto-definita incompetente su quanto loro stessi si erano chiamati a valutare con l’avvio del procedimento datato 18 maggio a seguito delle tante segnalazioni: ossia se si doveva procedere all’annullamento parziale dell’autorizzazione unica in ordine alla contrarietà della attuale localizzazione della sottostazione elettrica che non è stata oggetto di valutazione di impatto ambientale ne di esame della conferenza dei servizi che ne ha istruito l’autorizzazione unica.
Nel corso della mattinata sono state lette tutte le osservazioni pervenute compreso numerose segnalazioni di violazioni di altre prescrizioni su cui sembra che nessuno si voglia pronunciare, le contro deduzioni del Comune e della ditta, sempre ben allineati, mentre i tecnici regionali hanno presentato una propria istruttoria dove sono state analizzati l’impatto visivo delle varie soluzioni previste, verificati i vincoli presenti e sopratutto si è chiarito che effettivamente il progetto della sottostazione non era presente ne agli atti della VIA ne agli atti della Conferenza dei Servizi da cui è scaturita la successiva autorizzazione unica, peccato che alla fine di tutta l’istruttoria il dirigente responsabile, Ing.Ianniello, abbia dichiarato la sua “incompetenza” ad entrare nel merito e quindi abbia chiuso tutto il lavoro sottolineando in modo eloquente che non spetta a lui decidere su tali questioni.
In pratica il funzionario regionale, impossibilitato a sanare con un colpo di spugna la questione, ha rinviato, per ora “sine die”,  la soluzione della questione permettendo a se stesso, che non avrà più responsabilità di VIA dopo l’intervento del Presidente Rossi, di uscire dal tavolo di gioco e alla ditta di proseguire i lavori fino al prossimo giudizio, sempre che Rossi permetta agli uffici regionali di avviare la procedura….
In attesa di avere il verbale della seduta odierna abbiamo la certezza matematica che per la Regione la situazione è parecchio ingarbugliata … se fosse stato tutto in ordine “l’imputato” sarebbe stato prosciolto per non aver commesso il fatto e non rinviato ad altro giudice perchè il fatto commesso non rientra nelle competenze del giudice attuale!
A.Lucibello Piani, Insieme per Cambiare – Riparbella

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: