Rassegna stampa sul dibattito attorno al documento della Nuova Strategia Energetica Nazionale

Cliccate qui per leggere il documento di Italia Nostra Onlus

Fonte: Rete della Resistenza sui Crinali

Posizioni sempre più critiche verso le rinnovabili elettriche
non programmabili.
Il problema dei costi per gli incentivi diventa drammatico

 Accelera e si intensifica il dibattito, riportato dai media nazionali, sui contenuti della bozza della SEN, che il Ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera ha promesso di pubblicare in forma definitiva entro la fine dell’anno. Cerchiamo di fare un po’ d’ordine sulla questione che più ci preme, e cioè gli incentivi alle rinnovabili elettriche ed in particolare a quelle non programmabili (il fotovoltaico, che comunque non dovrebbe più avere incentivi se collocato a terra nelle aree agricole, e soprattutto l’eolico).
La più importante novità da segnalare è una intervista, rilasciata alla start up giornalistica Linkiesta, dello stesso Ministro, riportata dall’agenzia AGI e di cui ci siamo già occupati qui, ma della quale ora conosciamo il testo integrale (cliccate qui)
“Abbiamo fatto arrabbiare tanti, perchè abbiamo toccato i soldi a pioggia verso le energie rinnovabili. Il giorno più brutto della mia esperienza di ministro è stato quando ho avuto la quantificazione dei 170 miliardi di euro degli italiani che sono andati impegnati direttamente su questo. Con 170 miliardi uno cambia il mondo, e invece abbiamo comprato tecnologia a prezzi massimi senza aspettare che scendessero come accade sempre con le nuove tecnologie. Abbiamo distribuito soldi con incentivi doppi o tripli rispetto agli altri Paesi europei, e tutto questo, evidentemente, andava bene a tanti.
Perchè?
Perchè sono stati distribuiti 10 miliardi di euro l’anno per 20 anni. E’ stato brutto in primis perchè, così facendo, hanno appesantito la bolletta in maniera abnorme. Secondo perchè avremmo potuto produrre il doppio dell’energia rinnovabile o spendere la metà in bolletta, e terzo perchè è il peggio della politica per come la intendo io, cioè che compra il consenso distribuendo soldi.”
In questa intervista al Ministro sembra di leggere, a parte l’uso esplicito del termine “furto”, che noi ci siamo sempre limitati a lasciare intendere, un post della Rete della Resistenza sui Crinali, ad esempio questo: “Se 230 MILIARDI di Euro vi sembran pochi…
Tuttavia Passera aggiunge, seguendo un percorso logico che in parte ci sfugge: “Abbiamo comunque preso l’impegno di superare di gran lunga gli obiettivi europei, fermando però questo furto dalle tasche degli italiani. Oltre a correggere i vecchi incentivi abbiamo comunque aggiunto 3,5 miliardi all’anno per favorire lo sviluppo delle energie rinnovabili a maggior contenuto di lavoro italiano.”
Questi ulteriori 70 miliardi aggiunti (appunto 3,5 miliardi all’anno per 20 anni), che porterebbero il totale dell’esborso a carico degli italiani per le sole rinnovabili elettriche alla incredibile quota di 240 miliardi (170 + 70), sono appunto l’oggetto dell’attuale contendere.

Cliccate qui per continuare a leggere

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: