Firenze, restaurato il busto di “Giulia Maesa”

Comunicato stampa del 4 febbraio 2013

Oggi alle ore 11, nella sala “Uscita Buontalenti”, a piano terra degli Uffizi, sarà presentato da Cristina Acidini Soprintendente del Polo Museale fiorentino, Antonio Natali, Direttore della Galleria, da Fabrizio Paolucci, Direttore dipartimento di antichità classiche e da Mariarita Signorini responsabile restauri e membro del Consiglio nazionale di Italia Nostra, il restauro del busto lapideo di ‘Giulia Maesa’ esposta nel primo Corridoio della Galleria. L’opera che è composta dalla testa antica in marmo bianco, inserita nel busto cinquecentesco in marmo Portasanta, che poggia su una base in onice, è stata riportata a piena leggibilità grazie al restauro condotto da Paola Rosa. L’antico marmo, databile tra il II-III sec d.C., è stato oggetto di pulitura delle superfici, sono state rifatte le vecchie stuccature ormai alterate e decoese ed è stato integrato nelle parti mancanti di entrambe le orecchie, nell’occhio sinistro e nel labbro inferiore, come pure del basamento in onice. Il ritratto raffigura una privata di età matura, i cui segni dell’età sono visibili nella pelle cadente delle guance, nelle occhiaie e nelle rughe ai lati della bocca, gli occhi sono grandi, con palpebre spesse, iridi e pupille incise. Lo sguardo volto a sinistra, la bocca chiusa dalle grandi labbra carnose ben modellate, il mento largo e leggermente schiacciato, conferiscono all’insieme una notevole forza espressiva, valorizzata ora dal bel restauro. La capigliatura bipartita scende con piccole ondulazioni che si raccolgono in due trecce alla base della nuca. Dai segni sul collo non è da escludere la presenza di ulteriori parti accessorie che arricchivano l’acconciatura ai lati incorniciando il volto.
Il restauro della Giulia Maesa è stato finanziato da Italia Nostra Firenze, tra i cui soci Fabio Basagni, è il principale sostenitore dell’iniziativa.
Data la fortuna che ha avuto il progetto ‘Italia Nostra per gli Uffizi’ si darà seguito al ciclo di restauri nel quadro del più ampio progetto di pulitura e valorizzazione dei marmi antichi dei tre Corridoi di Galleria, progetto iniziato col recupero della scultura del cosidetto Seneca morente presentato nel luglio scorso.
Nei mesi a venire, come è stato fatto finora per le due opere restaurate, programmeremo una serie di visite guidate alla scoperta non solo della ‘Galleria dei marmi’ ma anche delle nuove sale da poco inaugurate, oltre alla Tribuna, la Sala della Niobe e la Sala di Michelangelo, per promuovere la diffusione della storia dell’arte, la cultura del restauro e della conservazione del patrimonio secondo i principi dell’Associazione.
Mariarita Signorini Consigliere nazionale e Responsabile restauri per Italia Nostra

Rassegna stampa:

Fonte: Firenze Today

“Uffizi, restaurato il busto lapideo di Giulia Maesa”
Il busto lapideo è tornato ad essere visibile nel primo Corridoio della Galleria.
Il restauro, come per il ‘Seneca morente’ è stato finanziato da Italia Nostra Firenze

È stato presentato ieri, nella sala dell’uscita Buontalenti, a piano terra degli Uffizi, il restauro del busto lapideo della cosiddetta Giulia Maesa, che già oggi è tornato ad essere visibile nel primo Corridoio della Galleria. Presenti Cristina Acidini (Soprintendente del Polo Museale fiorentino), Antonio Natali (Direttore della Galleria,), Fabrizio Paolucci (Direttore del dipartimento di antichità classiche) e Mariarita Signorini (responsabile restauri e membro del Consiglio nazionale di Italia Nostra).
L’opera, costituita dalla testa antica in marmo bianco inserita in un busto cinquecentesco in marmo Portasanta, poggia su una base in onice ed è stata riportata a piena leggibilità grazie al restauro condotto da Paola Rosa. L’antico marmo, databile tra il II e il III secolo dopo Cristo è stato oggetto di pulitura delle superfici ed è stato integrato nelle parti mancanti di entrambe le orecchie, nell’occhio sinistro e nel labbro inferiore, come pure del basamento in onice; sono state inoltre rifatte le vecchie stuccature, ormai alterate e decoese.
Il ritratto raffigura un’ignota matrona la cui età matura è denunciata dalla pelle cadente delle guance, dalle occhiaie e dalle rughe ai lati della bocca. Gli occhi sono grandi, con palpebre spesse, iridi e pupille incise. Lo sguardo volto a sinistra, la bocca chiusa dalle grandi labbra carnose ben modellate, il mento largo e leggermente schiacciato, conferiscono all’insieme una notevole forza espressiva, valorizzata ora dal bel restauro. La capigliatura bipartita scende con piccole ondulazioni, che si raccolgono in due trecce alla base della nuca. Dai segni sul collo non è da escludere la presenza di ulteriori parti accessorie che arricchivano l’acconciatura ai lati incorniciando il volto.
Il restauro della Giulia Maesa è stato finanziato da Italia Nostra Firenze, tra i cui soci Fabio Basagni, è il principale sostenitore dell’iniziativa. Considerata la fortuna ottenuta dal progetto “Italia Nostra per gli Uffizi”, è previsto che il ciclo di restauri prosegua, nel quadro del più ampio progetto di pulitura e valorizzazione dei marmi antichi dei tre Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze Corridoi di Galleria. L’intera operazione, infatti, è iniziata col recupero della scultura del cosiddetto Seneca morente presentato nel luglio scorso.

Fonte: La Nazione

Uffizi, completato il restauro della Giulia Maesa
Da domani alcune sale chiuse per lavori: le opere sanno spostate
La scultura tornerà ad essere esposta da domani nella sua consueta postazione,
all’interno del primo corridoio del museo

Firenze, 4 febbraio 2013 – E’ tornata alla sua originale bellezza grazie al restauro appena ultimato alla Galleria degli Uffizi. L’antico marmo della Giulia Maesa che raffigura un’ignota matrona di età avanzata tornerà ad essere esposta da domani nella sua consueta postazione, all’interno del primo corridoio del museo.
L’opera, costituita dalla testa in marmo bianco, databile tra il II e il III secolo dopo Cristo e inserita in un busto cinquecentesco sempre in marmo, è stata oggetto di pulitura delle superfici oltre che ‘integrata’ nelle parti mancanti di entrambe le orecchie, nell’occhio sinistro e nel labbro inferiore.
Sono state poi rinforzate le vecchie stuccature, ormai alterate e decoese. Il restauro, curato da Paola Rosa, è stato finanziato da Italia nostra Firenze; ad illustrare i dettagli dell’intervento, oggi agli Uffizi, sono stati Cristina Acidini, soprintendente del Polo Museale fiorentino, Fabrizio Paolucci, direttore del dipartimento di antichità classiche e Mariarita Signorini, responsabile restauri e membro del Consiglio nazionale di Italia nostra.
Chiudono, per lavori, alcune sale della Galleria degli Uffizi e un gruppo di opere d’arte di grandi maestri della pittura sarà spostato. Gli interventi, spiega una nota, riguarderanno le sale dalla numero 25 alla numero 34 del museo, oltre che parte del terzo corridoio: una selezione di importanti tele di di Tiziano, Veronese e Tintoretto sarà così esposta nelle sale numero 43 e 44.
Riaprirà invece il 12 febbraio la sala 25, con opere di pittori dell’Italia del nord quali Parmigianino (Madonna dal collo lungo), Dosso Dossi, Moroni, Savoldo e Lotto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: