Tutti a Mirandola, domenica!

Fonte: Buonenotizie.corriere.it
Di: Tomaso Montanari

I vigili del fuoco e la signora Nicoletta Vecchi Arbizzi con la cornice barocca salvata

Ad un anno dallo straordinario 5 maggio 2013 all’Aquila, domenica  la comunità del patrimonio culturale tornerà a riunirsi: questa a volta a Mirandola, nel cratere del terremoto che due anni fa sconvolse l’Emilia. Perché proprio lì? Perché è urgente ripetere proprio lì il messaggio che scaturì dalla giornata aquilana: e cioè che il vero valore in gioco non è il restauro di alcuni oggetti, ma la sopravvivenza del rapporto tra la comunità e i suoi monumenti. Gli storici dell’arte non studiano solo delle ‘cose’, ma il rapporto tra l’uomo e queste cose, nel tempo. In Italia non sarà forse mai possibile evitare che i terremoti uccidano e distruggano i monumenti: ma invece possiamo far sì che essi non cancellino il legame vitale tra una comunità e il suo territorio: fatto di paesaggio e patrimonio artistico.

Il centro di raccolta di opere mobili a Sassuolo

E se in Emilia è stata veloce ed efficiente la ricostruzione dei capannoni e delle case, la gran parte dei duemila edifici storici colpiti dal terremoto sta ancora aspettando di essere restaurata. Un’ondata di demolizioni affrettate e poi un precoce oblìo rischiano di far passare l’idea che in fondo si vive bene anche senza quei punti di riferimenti identitari e culturali che sono i luoghi storici monumentali: campanili, chiese, palazzi.
Dopo due anni, siamo alla vigilia dell’approvazione dei primi progetti per il restauro di questi monumenti, e c’è la fondata preoccupazione che venga messo in pratica lo slogan che dominava il Salone del Restauro di Ferrara dell’anno scorso, che era Dov’era, ma NON com’era. Secondo una discutibile e macabra retorica, il terremoto avrebbe dato un’ ‘occasione’ per svecchiare il tessuto dei centri storici emiliani: e dunque via libera alle speculazioni, alle modifiche, gli abbattimenti, alla pittoresca ‘ruderizzazione’ dei monumenti. Si fosse fatta questa scelta dopo la Seconda Guerra Mondiale, oggi non avremmo il Ponte a Santa Trinita a Firenze, il Tempio Malatestiano a Rimini, l’Archiginnasio a Bologna e moltissimo altro.

Ecco come si presenta oggi la Chiesa del Gesù a Mirandola

Invece, ed è una gran buona notizia, esiste un popolo che andrà a Mirandola a dire che i cittadini rivogliono tornare a vedere i connotati storici della loro terra. Perché senza quel contesto, il testo della nostra vita individuale e sociale ha meno senso. E non è una pretesa intellettualistica di un élite, come dimostra bene una storia di Mirandola.
Uno degli episodi più luminosi del post-sisma è stata la creazione, all’interno del Palazzo Ducale di Sassuolo, di un Centro di raccolta e cantiere di primo intervento sulle opere mobili danneggiate: un centro organizzato in modo esemplare, coordinato da Stefano Casciu, soprintendente di Modena . Perché le soprintendenze – proprio quelle spesso vilipese, e che l’attuale governo ha appena annunciato di voler «accorpare» – quando sono messe in grado di farlo, funzionano molto bene.

Le cornici barocche al sicuro nel capannone industriale

Ma accanto al lavoro delle soprintendenze, c’è stata anche una mobilitazione dal basso: di quei cittadini che hanno a cuore il loro patrimonio. A Mirandola una delle chiese più colpite è stata quella del Gesù, ancora non messa in sicurezza (e la cosa sta diventando scandalosa) e dunque ancora colma di macerie e di opere e arredi sacri più o meno distrutti, certo costantemente in pericolo. Qui il 30 luglio del 2012 i Vigili del fuoco hanno coraggiosamente recuperato tre monumentali cornici lignee barocche (veri e rarissimi capolavori nel loro genere): ed esse sono state immediatamente ‘adottate’ dall’associazione la Nostra Mirandola, che dal 2001 teneva aperta la chiesa, prendendosene cura. L’indomita e generosa presidente dell’associazione, la signora Nicoletta Vecchi Arbizzi, ha trovato loro un provvisorio, ma sicurissimo e gratuito, domicilio nel capannone di un generoso concittadino industriale: e se ne è presa cura, non senza suscitare qualche comprensibile gelosia negli organi di tutela.
Un capannone che ospita tre opere barocche: ecco un simbolo potente. Che significa che non c’è alcuna opposizione tra l’Emilia operosa e imprenditoriale e l’Emilia dei monumenti da salvare: sono due facce essenziali della stessa comunità. Il miglior modo per spiegare che salvare il patrimonio culturale vuol dire salvare il futuro, non il passato. Ecco, dopodomani in tanti saremo a Mirandola per dire che la signora Nicoletta e la sua associazione non sono soli: siamo in tanti a chiedere che quella essenziale faccia dell’Emilia, cioè dell’Italia, rinasca in fretta. E rinasca com’era e dov’era, per consentirci di continuare a crescere insieme.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: