Cosa diventerà Bagno a Ripoli ? Il comunicato stampa e l’incontro di Sabato 25 settembre al Giardino i Ponti di Bagno a Ripoli: una giornata dedicata all’informazione

COMUNICATO STAMPA

Cosa diventerà Bagno a Ripoli?

Le associazioni che si interessano al territorio di Bagno a Ripoli sono particolarmente colpite dall’impatto che il Piano Strutturale e il Piano Operativo avranno sul futuro del territorio di Bagno a Ripoli, già fortemente compromesso dalle opere pubbliche e private avviate di recente, come la tramvia, la terza corsia dell’autostrada con lo stoccaggio delle terre di scavo nella valle dell’Isone, la variante alla Chiantigiana e il Centro Viola.

Oltre a questi grandi interventi, che da soli stanno consumando più di 50 ettari di terreno verde, i nuovi strumenti urbanistici comunali hanno previsto ben 52.000 mq di Superficie Edificabile.

Di questi, 11.000 mq serviranno per realizzare nuove abitazioni (127 di nuova costruzione ed altre 66 da recupero di vecchie strutture); sono da aggiungere inoltre quattro grandi ville da frazionare, sia per altre abitazioni che per edifici produttivi, commerciali e direzionali: Mondeggi, Monna Giovannella, Pedriali e La Cipressa.

Se potessimo mettere tutto insieme nascerebbe di sicuro un nuovo paese e forse diventeremo uno dei comuni toscani con il più alto consumo di suolo.

Queste decisioni, che rispondono alle richieste di singoli operatori economici, non sono per lo più a conoscenza di gran parte della popolazione che, solo qualche anno fa, per mezzo di un adeguato processo partecipativo, aveva chiaramente espresso l’esigenza di salvaguardare la natura verde del territorio comunale e la sua netta separazione dalla città di Firenze. Questa esigenza è chiaramente espressa negli attuali strumenti urbanistici, approvati allora.

Oggi si vuol ribaltare completamente quella visione e far diventare Bagno a Ripoli “un bellissimo quartiere” che farà parte della “Grande Firenze”, come ha dichiarato il Sindaco.

Noi siamo convinti che la crisi climatica in atto ci imponga di prendere un’altra direzione.

Per approfondire la questione e parlarne insieme, Legambiente, Italia Nostra, L’ARCA, Il Pianeta, ASD Piano Terra, Per una Cittadinanza Attiva Bagno a Ripoli, Potere al Popolo, la Rete dei Comitati per la difesa del Territorio, Comitato Amici di Mondeggi Bene Comune, Comitato di Vicchio e dintorni, Firenze in tralice – insieme ad altre associazioni che si stanno aggiungendo – invitano i cittadini sabato 25 settembre al giardino I Ponti di Bagno a Ripoli, dalle 10.00 alle 19.00, per far conoscere più in dettaglio il Piano Operativo in via di adozione e per raccogliere le indicazioni da far pervenire all’Amministrazione.

Dalle ore 17,00 alle 19,00 vi saranno incontri pubblici con dibattito:

  • ore 17 ILARIA PERISSI Università di Firenze, ” Ma questa Crisi Climatica esiste davvero?”
  • ore 17,40 GIUSEPPE GRAZZINI Professore Università di Firenze, “Energia, urbanistica e legalità”
  • ore 18,10 MATTEO BORTOLON Giornalista e scrittore, “Next generation EU e Italia: dov’è la svolta ecologica?”
  • Dalle ore 15,00 si svolgeranno laboratori per bambini a cura dell’Associazione “Piano Terra”

 
  • condividi e diffondi il il volantino
  • condividi e diffondi il comunicato stampa

    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo di WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

    Google photo

    Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

    Connessione a %s...

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: