Archivi della categoria: Alberature urbane

Coronavirus e tagli alle alberature urbane: la sentenza del Tribunale Civile di Monza

Come veicolato dall’Associazione ecologista Gruppo di intervento giuridico onlus, il tribunale civile di Monza su istanza di cittadini ha imposto al Comune di Sesto San Giovanni la sospensione dell’abbattimento, in periodo di pandemia, dei filari di platani posti nel cosiddetto Villaggio Fallk.

Da giorni “Italia Nostra” ha inoltrato al Sindaco di Firenze, all’Assessore all’Ambiente Del Re e al Direttore all’Ambiente Leonardi un’istanza che chiedeva di sospendere ogni attività di abbattimento e potature alle alberature di Firenze.

Ad oggi non ci è pervenuta risposta ma tagli e potature sono continuati nonostante quanto imposto dal DPCM del 22 marzo tanto che ci siamo visti costretti a denunciare ai Carabinieri Forestali il proseguimento di tali attività:

Pressenza, International Press Agency, 3 aprile 2020. Italia Nostra: Fermate subito il taglio degli alberi a Firenze

Pubblichiamo la sentenza del tribunale civile di Monza nella speranza che possa contribuire a sospendere questa barbarie.

Letture: alberi e verde urbano

E’ in uscita il numero speciale di ECOLOGIA URBANA  dedicato  agli atti del convegno sulla gestione degli alberi e del verde urbano tenutosi a San Rossore (novembre 2019)

con interventi e scritti dei nostri soci Mario Bencivenni, Barbara de Cesare e Lorenzo Orioli

CORONAVIRUS, POTATURE E TAGLI. LA DENUNCIA DI ITALIA NOSTRA (DOPO IL SUO INASCOLTATO APPELLO AL SINDACO NARDELLA), IL FERMO DEI LAVORI (?) E UN APPELLO AI CITTADINI

25 marzo 2020. Via Lungo l’Africo (incrocio via Mamiani/viale Duse) 

Questa mattina (26/03/2020) in Via Lungo l’Africo sono scomparsi tanti cartelli di divieto di sosta presenti fino a ieri pomeriggio e accompagnati da un riferimento all’ordinanza Consiag [sic!] n. 2019/3638 riferita alla “manutenzione delle alberature”. Un’attività portata avanti fino al 25/03/2020 nononstante il DPCM del 22 marzo 2020. Anche i resti delle potature su aiuole e sede stradale sono stati rimossi. Al momento restano i carrelli elevatori uno dei quali elevato in posizione adatta ai tagli.

ITALIA NOSTRA INVITA I CITTADINI ALLA VIGILANZA E, IN PRESENZA DI CASI ANALOGHI,

A SEGNALARE SIMILI ATTIVITA’ AI CARABINIERI FORESTALI O AL 112

L’appello di Italia Nostra (20 marzo 2020) al Sindaco Nardella

La denuncia di Italia Nostra 

Firenze, 25 marzo 2020

Spettabili Carabinieri Comando Gruppo Nucleo Forestale Firenze – Piazzale delle Cascine 12

OGGETTO: Tagli e potature di alberi (Pini) in corso da parte del CONSIAG in Via Lungo l’Africo-Viale De Amicis a Firenze, da qualche giorno e anche in data odierna – Nonostante la sospensiva introdotta dal decreto del 22 marzo

Questa Associazione di tutela, attivata da segnalazioni dei cittadini, sollecita il pronto intervento delle SS.LL. In merito ai lavori di potatura e di abbattimento di alberi (Pini) che sono in corso, ad opera del CONSIAG, in Via Lungo l’Africo-Viale De Amicis a Firenze, da qualche giorno e anche in data odierna: e ciò, nonostante la sospensiva introdotta dal decreto governativo del 22 marzo.

Si ringrazia per l’attenzione, con cordiali saluti.

Leonardo Rombai – Presidente Italia Nostra Firenze

CORONAVIRUS, POTATURE E TAGLI. DEROGHE AL DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI ?

24 marzo 2020 h.14. Potature in atto in via Lungo l’Africo

25 marzo 2020 h.10.45. Potature in atto in via Lungo l’Africo

Ai sensi del DPCM 22/03/2020 art.1 comma 1 lett .a) sull’intero territorio nazionale sono vietate le attività non incluse nell’allegato 1.

Dal momento che in questo allegato non sono incluse le attività selvicolturali (codice ATECO 02) né quelle di cura e manutenzione del paesaggio inclusi parchi, giardini e aiuole (codice ATECO  81.30) dal 23 marzo tutte le utilizzazioni boschive e tutte le potature degli alberi dovrebbero essere sospese.

Simile interpretazione del suddetto DPCM viene confermata dal Comunicato Stampa dell’Associazione ASSOFLORO

Ansa.it, 24 marzo. Landini,imprese cambiano codice attività

La Repubblica, 25 marzo. DPCM 22 marzo: Deroghe alla chiusura, boom di domande in Prefettura.

A proposito della gestione del verde urbano a Firenze in tempi di pandemia da Coronavirus: alcune riflessioni per il presente e il prossimo futuro.

Da vari decenni, ma in particolare dall’estate del 2017, a causa della massiccia ripresa di abbattimenti di alberature ornamentali facenti parte del patrimonio di verde pubblico di Firenze (a partire dalla cancellazione degli Ippocastani di viale Corsica, con a ruota da quella dei pini di via Valfonda e di viale Belfiore e da molti altri a seguire), come “Italia Nostra” assieme a comitati e cittadini che da allora si sono mobilitati e coordinati, ci siamo adoperati assiduamente per la difesa e l’incremento del verde urbano della nostra città. E questo, vorrei ricordarlo, non solo attraverso una quotidiana azione di opposizione e mobilitazione fisica in difesa delle alberature che ritenevamo oggetto di abbattimenti non necessari, come per esempio per motivi fitosanitari seriamente documentati. Ma anche con un’ azione culturale rivolta alle autorità competenti e all’opinione pubblica per affermare l’idea che nella gestione del verde urbano, cioè di un bene pubblico di primaria importanza per la salute e la qualità della vita dei cittadini, esistono linee guida diverse e scientificamente comprovate rispetto a quelle adottate dalle amministrazioni comunali di questi ultimi venticinque anni.

Continua a leggere →

Passeggiate fiorentine. Terza passeggiata con Mario Bencivenni (vice presidente di Italia Nostra Firenze): La Firenze ottocentesca: da viale Belfiore alla Fortezza da Basso

Continua la passeggiata alla ricerca del verde pubblico ottocentesco fiorentino, quel percorso straordinario che prende le mosse, in buona parte, dalla sistemazione della città risalente al sodalizio fra Giuseppe Poggi e Attilio Pucci continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: