Archivi della categoria: Alberature urbane

Dati del Bilancio Arboreo 2013-2018 relativi al Comune di Firenze. Ovvero, le contraddittorie dichiarazioni dell’Assessore Alessia Bettini, degli amministratori e dei tecnici del Comune di Firenze relative alla politica del verde urbano.

I trionfalistici annunci degli amministratori comunali fiorentini riguardo all’ incremento del verde urbano cittadino, con i tagli che sarebbero compensati da un maggior numero di alberature messe a dimora, sembrano duramente smentiti dalla statistica, ovvero dagli analitici dati del Bilancio Arboreo 2013-2018 del Comune di Firenze.

Nonostante in questi cinque anni siano stati individuati e censiti ulteriori 2319 siti, gli alberi sono diminuiti. Erano infatti 74.014 e oggi sono, salvo verifiche e aggiornamenti, 71.899.

Il calo degli alberi è confermato inequivocabilmente dal numero delle ceppaie. I siti vuoti, senza albero, sono infatti 11.803, ben 4434 in più rispetto al 2013.

Tutto ciò viene aggravato dall’accanimento e dalla facilità con cui l’amministrazione tende a liberarsi di alberi ancora sufficientemente stabili, impegnando risorse e mezzi che, invece, potrebbero essere indirizzati a colmare le fallanze, piantando appunto i 4434 alberi che mancano all’appello. Continua a leggere →

Annunci

Diffida al Sindaco Dario Nardella e al Soprintendente Andrea Pessina riguardo al Progetto della nuova linea Tramvia 3.2

Italia Nostra – Firenze e il Coordinamento Cittadino Tutela Alberi (CCTA):

Appreso dai mezzi stampa (La Nazione del 17.02.2019; la Repubblica del 18.02.2019; Corriere Fiorentino del 19.02.2019) l’ipotesi progettuale di alterare lo stato dei luoghi e la disposizione dei filari di alberi lungo i viali disegnati dal Poggi, ed in particolare per il tratto di Viale Matteotti, per le esigenze della nuova Tramvia; Continua a leggere →

Tigli a Porta al Prato (Firenze): un danno prevedibile.

Ieri 6 marzo, nel mentre che il Sindaco Nardella sciorinava le cifre di un bilancio arboreo cittadino non del tutto conforme alla legge n. 13 del 2010 sul Verde Urbano, si consumava, nello svincolo di Porta al Prato-Viale Belfiore, l’ennesimo spreco di denaro pubblico: 8 tigli abbattuti inutilmente, per errore, per stessa ammissione del Comune!

Si fa notare che lungo i Viali, area tutelata a norma di legge, non si ammettono progetti di riqualificazione (vedasi codice dei Beni culturali), se non per aree degradate.

Se riqualificare poi vuol dire cementificare ed innalzare un bunker di cemento contravvenendo alle norme dello stesso Regolamento Comunale sul verde urbano (art. 7. sulle zone di rispetto degli alberi), sarebbe stato impossibile non prevedere un danno annunciato, e così è stato!

L’isola verde di viale Belfiore non ci sarà più, e se ne renderanno conto i cittadini nei mesi estivi, sotto il sole, e sotto qualche alberello troppo giovane, perché frettolosamente ripiantato dal Comune, ma con troppa poca chioma, tale da non offrire più ombra e refrigerio per molti anni.

In estate, senza ombra, senza alberi, la temperatura aumenta di 2-3°. Gli anziani dovranno aspettare 25-30 anni prima di riavere quei benefici ambientali forniti da quei tigli insulsamente abbattuti. Che abbiano pazienza!

In questo Comune si taglia per incompetenza, si taglia per disorganizzazione e non controllo dei lavori, si taglia per spendere soldi, si taglia per timore, si taglia senza pianificare, si taglia comunque e ovunque, noncuranti della volontà della cittadinanza, che anzi, viene trattata con supponenza dai nostri amministratori… Come ieri ci hanno dimostrato, nei fatti, davanti alle loro slides, e dopo il taglio inutile.

Ma gli alberi non sono intercambiabili come i pali, i piloni o i pilastri!

ITALIA NOSTRA – Coordinamento Cittadino Tutela Alberi/CCTA

Viali alberati del Poggi. Un sussulto di indignazione dopo l’ennesima proposta di scempio storico-artistico e paesaggistico.

Apprendiamo dai giornali (La Nazione del 17.02.2019) l’assurda ed ennesima operazione di taglio delle alberature e di scempio paesaggistico proposta dall’amministrazione comunale. Evidentemente non bastava il danno arrecato in Piazza Stazione, con quei pali di ferro al posto dei pini storici, abbattuti tra l’altro in pieno stato di salute. Non bastava l’azzeramento delle alberature esistenti e la trasformazione dell’inizio di Viale Belfiore (ex viale in Curva del Poggi), di Porta al Prato e della Piazza Vittorio Veneto, in raccordi autostradali e ferroviari.

Continua a leggere →

Alberi nelle scuole a Firenze: tra incompetenza e danno.

L’articolo del 22 febbraio scorso uscito su La Nazione, «Rimettete gli alberi nell’asilo», mette in evidenza, in maniera sconcertante, l’assurdità e l’incompetenza dell’amministrazione comunale nella gestione del verde! Ancora una volta!

Sì, perché si tagliano alberi in classe B, come asserisce l’Assessore Giachi nell’intervista. Continua a leggere →

Alberi sui viali, Amato (PaP): “Sospendere il progetto dei 145 tagli perchè gli alberi malati sono solo 16”

Comunicato Stampa
Alberi sui viali, Amato (PaP): “Sospendere il progetto dei 145 tagli perchè gli alberi malati sono solo 16”.
“Per gli alberi in classe C non è previsto l’abbattimento, perchè sono di propensione moderata al cedimento. Si vogliono tagliare per non fare manutenzione e controlli o per anticipare i cantieri della tramvia sui viali?”.
“L’amministrazione deve sospendere il progetto di abbattimento dei 145 alberi sui viali, perchè sono piante sane e quelle ritenute malate o a rischio caduta sono state già tagliate”.

Continua a leggere →

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: