Archivi della categoria: Discarica di Rimateria

Discarica di Rimateria: forse il problema non “è solo il puzzo”. Rinviati a giudizio gli oltre 40 indagati

dayitalianews.com, 3 luglio. Rimateria: rinviati a giudizio gli oltre quaranta indagati

Val di Cornia, discarica di Rimateria. Dopo il fallimento il blitz della Guardia di Finanza: tanti gli indagati

iltelegrafo.it, 16 giugno. Maxi indagine su Rimateria, otto indagati per bancarotta fraudolenta. A far partire l’indagine sarebbe stato un esposto del presidente Francesco Pellati, il quale dopo il suo insediamento avrebbe deciso di denunciare alcune situazioni apparse non molto chiare. Tra gli indagati ci sarebbero alcuni ex presidenti di Asiu e Rimateria. Ma non sono loro, anche dirigenti e altre figure […] LEGGI TUTTO

Corriereetrusco.it, 17 giugno. Rimateria fallisce e arriva la finanza. Almeno 8 indagati per bancarotta fraudolenta. La domanda è sempre la stessa: come è possibile che una società operante nel settore del trattamento e smaltimento rifiuti abbia accumulato un maxi debito di milioni di euro, quando impianti dello stesso tipo realizzano utili milionari? E i milioni di debito di ASIU? […] LEGGI TUTTO

Discarica di Rimateria (Val diCornia): l’assemblea dei soci dichiara il fallimento

Ma va!? 23 maggio 2021

La notizia

Il Giunco.net, 21 maggio. Rimateria, il sindaco attacca: «Fallimento annunciato». Il cda: «Venuto meno il piano concordato»

Controradio.it, 22 maggio. Rimateria, l’assemblea soci ne decreta fallimento

I commenti

Toscanachiantiambiente.it, 22 maggio. Discarica di Piombino, troppi debiti: dichiara fallimento la società che la gestisce

quinewsvaldicornia.it, 22 maggio. Fallimento Rimateria, il punto della Regione

Nove firenze.it, 23 maggio. Il fallimento di RiMateria: c’è anche qualche responsabilità politica?

Comitato di salute pubblica Piombino, 23 maggio. Altri 20 o 30 anni di rifiuti a Piombino? A questa domanda ha già risposto, nel 2019,la maggioranza dei cittadini che ha chiesto di fermare il business legato ai rifiuti,  che non porta alcun vantaggio economico alla città ma ha  la pretesa di  trasformare un polo siderurgico in un polo di rifiuti. In quell’occasione, la maggioranza dei cittadini   ha chiesto alla nuova Amministrazione Comunale, che si stava insediando , un’inversione di marcia.[…]Bene hanno fatto le Istituzioni Regionali  a partire dall’Assessore all’Ambiente Monia Monni , che ha visitato il nostro territorio a pochi mesi dal suo insediamento,  dimostrando una spiccata sensibilità per le problematiche che attanagliano il nostro territorio e  che ha preteso il rispetto delle Leggi

I possibili scenari futuri

Toscana notizie, 21 maggio. Fallimento Rimateria, Monni: “Preoccupazione per i lavoratori e l’ambiente”

toscana24.ilsole24ore.com, 22 maggio. Rifiuti: Rimateria fallisce, Scapigliato cresce

iltelegrafolivorno.it 22 maggio. Rimateria è fallita, ecco gli scenari

I precedenti interventi della nostra associazione

Ancora sulla discarica di Rimateria e sul SIN di Piombino (ma anche su salute e ripascimenti delle spiagge)

Comitato di Salute Pubblica di Piombino 17 maggio. Solo una politica cieca e per niente lungimirante può ancora sostenere che un ulteriore ampliamento della discarica di Ischia di Crociano potrebbe portare o avrebbe potuto portare dei benefici al territorio.Chi lo afferma ancora oggi non considera che, negli ultimi anni, tutti gli ultimi ampliamenti concessi e i sacrifici fatti dal territorio e dalla cittadinanza, sono valsi a ben poco. LEGGI TUTTO

Comitato di Salute Pubblica di Piombino 13maggio. La Commissione sulla Salute, commissione di studio istituita nel 2019 , presieduta dal Dott. Mario Atzeni e composta dagli esponenti di tutti i gruppi politici, ha aggiornato la cittadinanza, attraverso un comunicato , sui risultati della sua seconda riunione che ha visto, fra gli altri, la presenza della Dott.ssa Pagliacci, direttrice della Società della Salute delle Valli Etrusche.I risultati forniti dalla Commissione hanno evidenziato sul nostro territorio “un aumento significativo di mortalità per cause cardiovascolari, un aumento di incidenza per molte malattie neoplastiche alcune con un aumento statisticamente rilevante altre non rilevanti a causa delle esiguità dei campioni.” LEGGI TUTTO

La piazza Val di Cornia, 7 aprile. Sim Sala Bim: e il SIN diventa pulito. Il video di Ugo Preziosi “Tracine nelle Sabbie”

La piazza Val di Cornia, 28 aprile. Chiusa: dubbi sulle operazioni di ricollocazione delle sabbie. Il 31/03/2021 la Cooperativa ha presentato domanda di “non assoggettabilità” alla VIA per un NUOVO progetto: il Ripascimento del litorale ad Est del Polo. Il ripascimento sarebbe eseguito con le sabbie del dragaggio necessario alla costruzione del porticciolo e sarebbero messe al Quagliodromo. La VIA a differenza del “procedimento di non assoggettabilità” comporta una analisi approfondita delle opere che si intendono compiere attraverso le Conferenze dei Servizi. Conferenze in cui vengono chiamati ad esprimersi ARPAT, Demanio, ASL, Comune, ISPRA, e altri soggetti interessati per assicurare che non si avranno impatti ambientali negativi. Tutti possono esprimere la propria opinione in merito alla richiesta di “non assoggettabilità alla VIA” entro i primi di Maggio 2021. Questo permetterà alla Regione di valutare in modo più approfondito tale questione. LEGGI TUTTO

Discarica di Rimateria. Dopo il pronunciamento avverso della Conferenza dei Servizi Decisoria e le più recenti osservazioni e controdeduzioni (con buona pace di chi si chiede il perché si arrivi a ricorrere al Tar, al Consiglio di Stato, al Presidente della Repubblica), il via libera da parte del Tribunale fallimentare di Livorno al piano per il concordato e le dichiarazioni del Presidente di Rimateria

26 gennaio Le controdeduzioni de La Piazza Val di Cornia. Lo facciamo comunque presentando 8 controdeduzioni per il rispetto del procedimento in atto, (non essendo prevista la nostra partecipazione alla Conferenza dei Servizi) intendiamo così inviarvi il nostro contributo e sottolineare la nostra volontà di seguire fino in fondo la vicenda ed eventualmente difendere nei modi previsti dalla Legge la decisione della Conferenza dei Servizi Decisoria del 4/02/2021 che ha bloccato la richiesta di AIA. Sicuramente dal 4/02/2021 ad oggi nulla è cambiato! Il proponente ha prodotto solo documenti e non azioni concrete, documenti che non possono cambiare la realtà che oggi vede non attuato quanto prescritto.Controdeduzione n.1 Ad oggi a differenza di quanto affermato dalla ditta risultano non ottemperate le seguenti prescrizioni LEGGI TUTTO

10 marzo. La Piazza Val di Cornia. Stesso ricatto da anni. Perché concedere ancora spazi? Apprendiamo dai giornali che la SpA Rimateria ha presentato il piano concordatario al Giudice, che entro la metà di Marzo deciderà se accettarlo o dichiararne il fallimento. Di questo piano non sappiamo quasi nulla: questo conferma che la SpA si sottrae a qualsiasi confronto con i cittadini che abitano nel territorio dove essa opera. Non è così che si dovrebbe comportare una ditta che ha le carte in regola per lavorare, le cui azioni possono avere gravi conseguenze sul piano ambientale e sulla salute dei cittadini, eppure tale modo di comportarsi è avallato dal socio pubblico. LEGGI TUTTO

14 marzo, Comitato Salute Pubblica Piombino e Val di CorniaRIMATERIA UNA STORIA INFINITA Il comune ha cambiato la destinazione d’uso del territorio, non più discarica, ma parco pubblico. Due quartieri limitrofi sono stati riconosciuti come centri abitati, quindi ha fatto capire alla Regione che non siamo più disponibili ad accogliere altri rifiuti. La legge dice che una nuova discarica non può essere a meno di 500 metri di distanza tra il perimetro della discarica e il perimetro del centro abitato, chiaramente per salvaguardare la salute degli abitanti. Per noi finisce qui! Non si deve andare contro la legge anche se RiMateria lo ha fatto fino ad oggi, considerato i quattro avvisi di garanzia per reati ambientali, ricevuti in questo anno dal Sig. Pellati. Non è mai stata a norma, quindi è stata fuorilegge, e lo è tuttora! Ma chi deve pensare alla salute dei cittadini, se non la Regione e il Comune dove risiedono? Chi dice “ siamo dalla parte dei cittadini?” LEGGI TUTTO

14 marzo, Le controdeduzioni inviate dal Comitato Salute Pubblica Piombino Val di Cornia. Il Comitato Salute Pubblica Piombino Val di Cornia, con la presente, pone all’attenzione di tutti gli Enti partecipanti alla Conferenza decisoria del progetto in oggetto, che si svolgerà il 16/03/2021, le molteplici prescrizioni, non ancora ottemperate dal proponente, che sono indispensabile garanzia dell’applicazione delle norme di legge a tutela dell’ambiente e dei cittadini. LEGGI TUTTO

16 marzo, dayitalianews.com. Rimateria: la conferenza dei servizi si chiude rigettando l’istanza della società

21 marzo, Comitato di Salute pubblica di Piombino.  Il via libera , da parte del Tribunale fallimentare di Livorno, al piano per il concordato e il Presidente di Rimateria sul Tirreno (20 marzo): “Insomma , se non abbiamo il buco dove conferire qualsivoglia tipo di rifiuto la società ha esaurito l’oggetto sociale e chiude.

23 marzo, La Piazza “Val di Cornia”. Discarica: notizie, dichiarazioni e percezioni (senza bisogno di essere indovini)

I precedenti interventi di Italia Nostra sulla discarica di Rimateria

Val di Cornia, discarica di Rimateria. La Regione (alla faccia di chi scriveva e diceva che il solo problema era il cattivo odore) sospende l’autorizzazione all’aumento dei volumi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: