Archivi della categoria: Isola del Giglio

Linea blu: l’isola del Giglio e il corallo di Giannutri

Al minuto 20.48 Marina Aldi (guida del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, una di noi di Italia Nostra, già oggetto di ripetuti quanto vili atti intimidatori dovuti al suo impegno per ambiente e paesaggio) parla del luogo sacro più antico dell’isola

La Giornata Mondiale per l’Ambiente …e per Marina Aldi

Abbiamo ricevuto molti messaggi di solidarietà per la nostra referente al Giglio e Giannutri Marina Aldi.  Mentre ci ripromettiamo di raccogliere queste testimonianze di affetto, vi proponiamo un commento che ci manda il Prof. Giuseppe Tanelli, docente universitario di geologia e primo presidente del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, uno dei nostri soci più stimati e attivi.
Leggi 

 

La sezione di Firenze esprime solidarietà alla nostra socia dell’isola del Giglio Marina Aldi, vittima di un nuovo grave atto intimidatorio

Il 22 maggio scorso alle 22 nel silenzio di Giglio Castello ancora addormentato dal CoVid, senza turisti, un botto sentito da tutto il paese si rivelava più tardi un attentato intimidatorio con una specie di bomba carta. Oggetto dell’atto è stata l’abitazione di Marina Aldi, un’ambientalista isolana. Leggi Tutto

La condanna espressa da Mariarita Signorini , già Presidente nazionale, ora Consigliere d’Italia Nostra
Posso dare testimonianza diretta anche di un attentato occorso in passato, a Marina Aldi, dato che ero al Giglio, sua ospite, durante il cantiere per i restauri offerti da a Italia Nostra Toscana, delle opere custodite nella teca del Tesoro della chiesa di San Pietro apostolo, a Giglio Castello. Quell’anno l’auto di Marina venne colpita dal lancio di grosse pietre che le produssero gravi danni, oltre che un grave stress. Evidentemente la nostra rappresentante è scomoda, perché è una persona schietta e una combattente da sempre solo interessata alla tutela dei Beni culturali, difende il paesaggio e l’ambiente dell’isola da abusi di ogni tipo, è una persona preziosa dunque, che incarna in pieno i valori di Italia Nostra, a lei va tutta la nostra solidarietà e il nostro incondizionato appoggio anche per il  futuro 

Regole certe per evitare i disastri ambientali in mare

La Sezione Isola d’Elba e Giglio di Italia Nostra, direttamente impegnata nell’opera di aiuto e solidarietà con i naufraghi, denuncia il gravissimo pericolo di disastro ambientale che potrebbe essere innescato dall’ingente carico di carburante presente sulla nave Concordia.
L’eventuale, malaugurato sversamento in mare del carburante provocherebbe danni irreversibili all’Arcipelago Toscano, sede del più grande parco marittimo d’Europa, nonchè del Santuario internazionale dei Cetacei.
Lo stesso ministro Clini ha sottolineato questa mattina la necessita’ di fare presto perche’ ”la situazione ci concede tempi stretti. La cosa più urgente è svuotare i serbatoi dalle 2400 tonnellate di carburante che mettono a rischio un’area molto vulnerabile e preziosa”.
Da Nord a Sud l’Arcipelago Toscano è oggetto di “terrorismo ecologico”.
Infatti dopo il caso delle 40 tonnellate di rifiuti tossici che si pensa siano stati inabissati in Gorgona si aggiunge questo nuovo evento, foriero di conseguenze negative, già solo per tutto ciò che depositerà sui fondali del Giglio.
Chiediamo dunque all’Assessore Bramerini e al Ministro Clini di prendere tutte le misure necessarie affinchè una volta per tutte si istituiscano corridoi precisi di navigazione distanti dalle isole dell’Arcipelago; in sostanza si esca dal vergognoso “impasse” di cavilli burocratici e pretestuosi contraddittori fra gli enti competenti e venga finalmente trovata una corretta definizione giuridica delle Aree marine protette dal Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano.

Italia Nostra – Sezione Isola d’Elba e Giglio

La gratitudine alla comunità di Isola del Giglio

Nel salutare, con un sospiro di sollievo, il ritorno a casa dei cittadini crotonesi che viaggiavano sulla nave da Crociera Concordia, nell’interpretare il pensiero della comunità di Crotone, sento il dovere di ringraziare la popolazione di Isola del Giglio per la solidarietà dimostrata nei momenti immediatamente successivi al disastro.
Una vicinanza espressa attraverso gesti concreti che ha riguardato anche i nostri concittadini.
Un calore umano che, insieme al prezioso lavoro di tutte le forze militari impiegate, ne ha consentito il salvataggio, l’assistenza, il ritorno alle famiglie.
In tale senso ho chiesto al sindaco di Isola del Giglio di estendere alla sua comunità la gratitudine della città di Crotone.
Un pensiero deferente va a quanti sono scomparsi in questa tragedia immane.
Peppino Vallone, Sindaco di Crotone

Tragedia all’Isola del Giglio

Sono ore di angoscia per le oltre 40 persone che ancora risultano non censite dai soccorritori dopo l’affondamento della Costa Concordia. La sezione esprime solidarietà ai parenti delle vittime ed ai superstiti che hanno vissuto una e vera e propria tragedia. La preoccupazione è alimentata anche dalle 2300 tonnellate di combustibile che ancora si trovano imbarcate sulla nave. Speriamo che nelle prossime ore si possano avere notizie confortanti sia per le persone scomparse che per i gravi feriti. E che si riesca a scongiurare la fuoriuscita di gasolio che potrebbe essere una ferita difficilmente guaribile per uno dei mari più belli del mondo. Per questo ci sentiamo di esprimere solidarietà anche per gli abitanti del Giglio che su quel mare fondano la loro sussistenza.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: