Archivi tag: appennino

L’Appennino Tosco Emiliano proclamato riserva biosfera Unesco!

Rete della Resistenza sui Crinali

L’Appennino Tosco Emiliano proclamato riserva biosfera Unesco!Implicito riconoscimento internazionale all’azione pluriennale, dispendiosissima e misconosciuta condotta dai comitati della Rete della Resistenza sui Crinali. Questi combattivi cittadini hanno evitato gli inutili sfregi ambientali e paesaggistici che sarebbero stati provocati dagli innumerevoli impianti eolico-industriali che erano stati proposti proprio su quelle stesse montagne. A quando il doveroso riconoscimento anche da parte dei pubblici amministratori ai meriti di questi volontari?

Appennino Tosco Emiliano

Un risultato straordinario, che ci permette di entrare in circuiti di promozione turistica internazionali e di coniugare la tutela del territorio, della cultura e delle tradizioni con lo sviluppo economico. Si tratta di luoghi che grazie alle loro eccellenze possono soddisfare un turismo sempre più alla ricerca del mix tra cultura, enogastronomia, ambiente e wellness”.

Un risultato straordinario… Così si è espresso, senza mezzi termini, nella conferenza stampa di lunedì scorso a Bologna il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.

Bonaccini…

View original post 855 altre parole

Annunci

27 giugno, Firenzuola: i crinali dell’Appennino tra natura e scrittura

Il Consiglio di Stato blocca il parco eolico di Zeri

Fonte: Città della Spezia

Stop a “Vento di Zeri” in attesa della pronuncia edl Tar. Esultano gli ambientalisti: “Salvaguardato il valore ambientale dell’Appennino”.

Lunigiana – “Sussistono gli estremi del pregiudizio grave ed irreparabile alle posizioni fatte valere in giudizio dalle associazioni ricorrenti”. Con questa formula il Consiglio di Stato ha prorogato la sospensiva dei lavori per “Vento di Zeri”, il grande parco eolico in costruzione al Parco dei Due Santi sull’Appennino, proprio al confine tra Liguria, Toscana ed Emilia-Romagna.
Lo stop era arrivato il 16 aprile scorso dopo l’azione promossa dal Wwf e da altre associazioni ambientaliste emiliane, e portato avanti dagli avvocati Daniele Granara e Federico Tedeschini. Grande soddisfazione per i ricorrenti che ritengono di “aver contribuito all’affermazione dei valori costituzionali in materia ambientale, salvaguardando l’elevato pregio ambientale e paesistico, oltre che storico e culturale, dell’Appennino Tosco-Emiliano”.
Cinque pale alte fino a 120 metri in rotazione, circa 10 Mw di potenza, in fila sulla cresta del Monte Colombo a 1250 metri: un pugno in un occhio secondo gli abitanti zeraschi. Dall’altra parte dei monti, sul versante emiliano, sono stati invece i cittadini di Albareto a subire i disagi legati alla viabilità. Per settimane betoniere piene di calcestruzzo e camion con i macchinari hanno percorso le strade di montagna per alimentare il cantiere, con grande sofferenza delle vie di comunicazione.
Sconfessate la Regione Toscana, la Fera srl – l’azienda responsabile del progetto – e il Comune di Zeri, che in ogni caso non si è constituito in giudizio in questo grado. Il prossimo round è atteso per il 29 maggio presso il Tar di Firenze, che si riunirà in assemblea pubblica.

Confindustria: “Si decida come i settori che stanno facendo profitti fantastici sulle rinnovabili elettriche (FV ed eolico) debbano farsi carico dello sfascio del mercato elettrico”

Fonte: Coordinamento dei Comitati dell’Alto Appennino contro l’eolico-industriale selvaggio

Altrimenti – sostiene Agostino Conte, coordinatore del tavolo della domanda – le sole alternative sarebbero il ritorno ad un sistema tariffario oppure la deindustrializzazione del Paese

Terza puntata della nostra analisi della Conferenza nazionale sull’efficienza energetica organizzata dagli Amici della Terra
Oggetto di questa monografia è Agostino Conte, coordinatore del tavolo della domanda di Confindustria. Avevamo già imparato a conoscerlo e ad apprezzarlo in occasione di un convegno organizzato dai Radicali lo scorso aprile, se non altro per la sua schiettezza nel parlare in pubblico di argomenti scottanti, pur nel corrente clima conformistico dominato dall’ipocrisia buonista.
Cliccate qui per continuare a leggere

Poggio Biancarda: la protesta contro l’impianto eolico industriale

Fonte: Salviamo il Paesaggio

Il Poggio Biancarda a Verghereto (FC): una parte di Appennino che potrebbe essere devastata dall’eolico industriale

Il business dell’eolico industriale sconvolge i territori, soprattutto al sud Italia, come ha raccontato Antonello Caporale in un articolo pubblicato da Il FattoQuotidiano lo scorso 16 settembre 2012 dal titolo Pale eoliche, quanti miliardi al vento. Anche in provincia di Forlì-Cesena è prevista la realizzazione di un devastante impianto che suscita la protesta di associazioni e comitati. Siamo al Poggio Biancarda, uno dei luoghi più incantevoli del crinale appenninico romagnolo, cerniera tra Monte Fumaiolo e Monte Còmero, ricco di acque, pascoli e faggete.

Il progetto
Il progetto alla Biancarda è un impianto EOLICO INDUSTRIALE che prevede losbancamento in profondità di 240 ETTARI di terreno, su versanti instabili e delicati, per costruire, a quote attorno ai 1200 metri, 13 TORRI alte ciascuna 120 metri dal livello del suolo, cioé più alte del grattacielo di Cesenatico. In un’area dove è tra l’altrodimostrato che la ventosità è incostante e insufficiente a giustificare un investimento di questa entità.

La battaglia legale del WWF
Il WWF di Cesena sta conducendo da diversi anni una battaglia legale e amministrativa contro il grande impianto eolico (13 torri alte 120 mt) previsto fra il Monte Castelvecchio e Poggio Biancarda, a due passi dalle Sorgenti del Savio e sul magnifico crinale che congiunge Comero e Fumaiolo come si vede nella simulazione fotografica iniziale.
Dopo varie modifiche e rinvii la Giunta della Provincia Forlì-Cesena ha espresso parere positivo alla procedura di VIA e la  Soprintendenza di Ravenna che in precedenza aveva espresso pareri negativi, nell’occasione ha cambiato parere.  I progettisti hanno furbamente abbassato la quota del posizionamento delle torri eoliche di pochi metri drispetto ai 1200 mt (zona tutelata per legge). Così facendo però non si riduce l’impatto visivo ma anzi alcune torri potrebbero essere posizionate a su pendici a maggiore pendenza).
Il WWF ribadisce che: 

  • Non risultano dimostrate l’efficienza energetica e la redditività economica dell’impianto.
  • Non sussiste la garanzia di tutela di tutte le specie di uccelli protette,
  • L’importanza ecologica del sito è determinata non meno che dalla presenza di macchie boschive, anche dalle prateria d’altura e dalla ricchezza di sorgenti e acquitrini
  • L’impatto paesaggistico e quello visivo sono devastati per la natura del luogo
  • La proposta di compensazione del danno costituita dalla sistemazione di percorsi e itinerari non è credibile.

In definitiva, non si ravvisa in questo progetto nessuna misura di compensazione reale a beneficio degli habitat che saranno frammentati e compromessi dalla centrale eolica. Il sito non potrà mai recuperare la naturalità perduta: perdita di singoli individui di uccelli e di chirotteri, alterazione dei flussi idrici superficiali e sotterranei, ampie porzioni di territorio integro e di flora rara sotto minaccia, frammentazione degli habitat, modifica del microclima e impermeabilizzazione del suolo.
Per tali motivi il WWF ha deciso di ricorrere al TAR per perseguire con ogni mezzo consentito la bocciatura di questo insostenibile impianto. Una battaglia che può essere sostenuta con una libera donazione.

La vicenda
Il sindaco di Verghereto ha ribadito il suo pieno appoggio al progetto e l’inizio dei lavori, da tempo approvati, è già stato sospeso due volte dal TAR Emilia-Romagna, a cui WWF e Italia Nostra hanno fatto ricorso. La sentenza definitiva del TAR è attesa per il prossimo novembre.
I cittadini intanto hanno costituito un comitato che sottolinea: <<Non siamo contrari alla produzione di energia eolica o di altre rinnovabili, ma ci opponiamo alla costruzione di queste mostruosità, che provocano enormi e irreversibili danni ambientali, soprattutto nella fase costruttiva>>.
Il comitato locale contro il progetto esprime inoltre molti dubbi sull’affidabilità delle due ditte proponenti, le società “Biancarda s.r.l.” e “In Vento s.r.l.” nonostante le rassicurazione del primo cittadino sugli ottimi rapporti e sulla bontà dell’iniziativa. Il comitato sostiene infatti che siano poche le informazioni reperibili sul web e per nulla rassicuranti: affiliazioni con società che hanno dichiarato fallimento, coincidenze in indirizzi di sedi e  nei dati anagrafici degli amministatori unici che confondono in una serie di indecifrabili legami societari.

Se 230 miliardi di euro vi sembran pochi…

Fonte: Coordinamento dei Comitati dell’Alto Appennino contro l’eolico-industriale selvaggio

Alcuni argomenti per confutare lo schema di Decreto Ministeriale sulla modifica di incentivi alle rinnovabili non FV.
Per rendere comprensibile il mio argomentare a chi non ha studiato nel dettaglio il percorso formativo del testo di legge, mi avvalgo del documento semplificativo, che allego (per scaricare l’allegato cliccare qui), distribuito dal Governo in sede di presentazione alla stampa dello schema di decreto in occasione del suo invio alla Conferenza Stato Regioni.
Naturalmente gli argomenti per i quali in Italia esiste un ampio movimento anti eolico-industriale hanno fondamenti culturali ben più importanti di quelli economico-finanziari. Ma i motivi economico-finanziari sarebbero da soli in grado di giustificare una moratoria (quanto meno) degli incentivi.
Cliccate qui per continuare a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: