Archivi tag: normale di pisa

Settis: La bellezza fragile

Fonte: La Repubblica

“Tutela del territorio, primato della legalità”.

Salvatore Settis, professore di archeologia e storia dell’arte alla Normale di Pisa, parla del patrimonio artistico, bene prezioso e fragile a un tempo e che non sappiamo proteggere adeguatamente
Clicca qui per vedere il video 

Annunci

Paesaggio: Settis, subito legge su modello tedesco

Intervenire su frane, priorità tecnica per governo tecnici

Fonte: ANSA
ROMA, 21 MAR – Una ”normativa urgente contro il consumo del suolo sul modello di quanto gia’ avviene in Germania”, sia per le opere pubbliche sia per quelle private: Salvatore Settis, ex presidente della Normale di Pisa, torna a chiedere un intervento di urgenza per ”un Paesaggio da vivere”. Lo fa nel corso dell’omonimo convegno di oggi al Maxxi, il primo degli appuntamenti di ‘Re-Cycle’, che ha visto schierati gli esponenti – da Franco Iseppi (Touring Club) a Ilaria Borletti Buitoni (Fai) a Alessandra Mottola Delfino (Italia Nostra) a Fulco Pratesi (WWf Italia) – delle associazioni che lottano contro la cementificazione per la conservazione e la tutela del paesaggio, per la salvaguardia e la riqualificazione. E i dati – e’ stato sostenuto nel dibattito – parlano chiaro: tra il 1995 e il 2009 sono state costruite oltre 4 milioni di nuove abitazioni, mentre sono oltre 800 mila gli immobili inutilizzati, in gran parte nei centri storici; nel solo 2010 sono stati usate 34 milioni di tonnellate di cemento (565 chili procapite) e sono 2 milioni gli ettari di terreno agricolo fertile consumati tra il 1990 e il 2005. Per questo Settis rivendica, cosi’ come previsto dalla Costituzione, una difesa dell’ambiente da anteporre a qualsiasi interesse economico privato. Dice esplicitamente che la legge da approvare dovrebbe prevedere al primo punto il divieto di costruzione in una determinata regione ”se ci sono appartamenti sfitti o edifici in abbandono”. In attesa, a parere di Settis – c’e’ un’urgenza da affrontare subito: ”l’Italia e’ il paese piu’ franoso di Europa e non si sta facendo nulla per metterlo in sicurezza. Dovrebbe essere questa la priorita’ tecnica per un governo di tecnici”. Pio Baldi, presidente della Fondazione Maxxi, si dice d’accordo con Settis e sottolinea che la normativa dovrebbe avere una serie di incentivi e disincentivi: ”chi costruisce su suolo vergine dovra’ pagare di piu’, chi, invece, interviene su suolo gia’ edificato, molto meno”. Per Baldi tra le ”emergenze” della ricostruzione del paesaggio ci sono ”da una parte, la zona intensiva intorno al Vesuvio e, dall’altra, la costa adriatica che sale dalla Puglia fino al Veneto”. ”Il paesaggio non e’ da guardare – conclude Settsi – ma da vivere: la dimensione estetica non basta piu’ a giustificarne la tutela”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: