Archivi tag: polveri sottili

Smog, De Zordo: “PM10 alle stelle persino dentro Boboli, ma l’Amministrazione prevede misure ridicole e non tutela la salute dei cittadini”

Fonte: Perunaltracittà

Ieri la rete NoSmog Firenze ha lanciato l’allarme per gli ultimissimi dati delle centraline Arpat che segnalano il settimo giorno consecutivo di superamento dei limiti di di PM10 a Firenze. A fronte di una soglia di 50 microgrammi /mc al Ponte alle Mosse sono stati rilevati ieri (martedì) ben 118 mg e persino nella criticata e ridicola centralina posizionata all’interno del giardino di Boboli si sono raggiunti i 76 mg. Per ora abbiamo perso la battaglia per il suo spostamento in zona più consona alla misurazione dell’inquinamento e dove è più reale l’esposizione dei cittadini, ma torneremo all’attacco anche su questo. L’A.C. continua per ora a non far nulla e prevede, nel caso che questi dati allarmanti continuino, misure ininfluenti come bloccare le auto più inquinanti ma solo dentro la ztl e ridurre il riscaldamento. Nessun intervento strutturale per abbattere l’inquinamento e neppure nessuna misura drastica in caso di sforamento dei limiti consentiti. Dunque non tutela la cittadinanza, che è ben consapevole dei rischi che le polveri sottili hanno sulla priopria salute.

Salviamo le Alpi Apuane

Riceviamo e volentieri diffondiamo chiedendovi di firmare l’appello cliccando qui.
Fatelo firmare anche ai vostri amici!

Perché è importante
E’ importante salvare le ALPI APUANE perché sono patrimonio dell’ umanità. Ogni giorno da 2000 anni vengono saccheggiate e violate così vengono inquinate le aree e distrutte falde acquifere indispensabili per la vita . Il marmo viene asportato distruggendo la montagna, le polveri sottili si spargono sul territorio con danni alle persone e all’ambiente. Sono nata qui in uno dei luoghi più belli del mondo. Che desidero sia conservato per le future generazioni.
Per saperne di più, storia e tradizione cliccate qui.
Per conoscere le problematiche dell’estrazione cliccate qui o qui.

Smog, con il nuovo anno stop ai divieti e ai limiti

La ridicola politica antismog del Comune di Firenze: anno nuovo e stop ai divieti, perchè si riparte con la conta dei giorni di sforamento del Pm10 e nel 2012 è migliorata. Infatti se a Boboli la centralina ha sforato per 7 giorni in un anno e a Bassi 7 volte, a Ponte alle Mosse i superamenti sono stati 68 e a Gramsci 45 rispetto ai 35 giorni consentiti, ma “vale” solo le centraline di fondo e quella “terribile” è quella di Scandicci con 23 giorni superati.
Maurizio Da Re

Fonte: La Repubblica Firenze

Non sono più in vigore i provvedimenti contro l’inquinamento da pm10 per riscaldamento e traffico. Il conteggio ripartito da ieri

Con l’inizio del nuovo anno è ripartito il conteggio dei giorni di superamento delle polveri sottili. Da ieri non sono più in vigore i provvedimenti contro l’inquinamento da pm10, relativi a limiti e divieti per riscaldamento e traffico, scattate l’anno scorso. La legge nazionale, spiega il Comune di Firenze, prevede che il limite delle ‘polveri sottili’ nell’aria abbia cadenza annuale, pertanto da ieri 1 gennaio si riparte da zero. Revocate così le ordinanze di divieto adottate nel 2012, sia per quanto riguarda i blocchi alla circolazione dei veicoli più inquinanti, sia per quanto riguarda per le limitazioni agli impianti termici di riscaldamento: ora possono restare accesi fino a 12 ore al giorno con 20 gradi di temperatura.
“Anche se in questi giorni non è in vigore nessun obbligo – commenta comunque l’assessore comunale all’ambiente Caterina Biti – invitiamo comunque tutti i cittadini a ridurre l’utilizzo delle auto e a sfruttare al meglio gli impianti di riscaldamento, evitando dispersioni termiche ed limitandone l’utilizzo. Come è noto, i superamenti del valore del pm10 avvengono in inverno, quando alle emissioni inquinanti da traffico si aggiungono quelle dagli impianti termici, che con le basse temperature e l’aria ristagnante non riescono a disperdersi”. L’assessore rileva anche che il bilancio del 2012 è positivo, perché la qualità dell’aria a Firenze è stata complessivamente in miglioramento: “Nel 2012 il primo modulo di provvedimenti è scattato il 9 novembre e il secondo il 28 dicembre: per molti mesi il pm10 non ha superato i limiti e questo dimostra che il precorso che abbiamo intrapreso insieme alle città dell’area metropolitana, sulla base della normativa europea, nazionale e regionale, sta dando buoni frutti. Proprio per questo ci sentiamo di fare un appello ai fiorentini, perché continuino con il comportamento virtuoso che, insieme agli interventi dell’amministrazione, ha portato il nostro territorio ad avere una situazione migliore di tante altre città d’Italia”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: