Archivi tag: pontassieve

13 aprile Verso rifiuti zero

Il Nuovo Inceneritore? Grazie a tariffe stratosferiche che farebbero impallidire anche Felix Baumgartner!

Fonte: Associazione Valdisieve

Si sta catapultando su Selvapiana lo spettro delle TARIFFE TARES/TIA/TARSU che dir si voglia!
Nessuno si accorgerà della cosa visto che la TARES si sa già che sarà più alta della sua precedente TIA. Tutti penseranno che è di per sè più alta perchè comprende anche altri servizi.
Già!
Peccato che il costo di costruzione e gestione  del NUOVO inceneritore di Selvapiana, così alto tanto da passare in soli 5 anni da 42 milioni a ben 88 milioni, non solo è superiore alle medie di altri inceneritori presi a confronto nel PEF, ma siccome è di dimensioni assai ridotte dovrà per forza compensare gli ALTI COSTI (o le eventuali perdite) alzando a dismisura le tariffe di accesso all’impianto e soprattutto dovrà garantire la copertura dell’investimento grazie alle nostre SICURE bollette !
Nel PEF si ipotizzano 2 scenari a seconda della vita dell’impianto e della sua gestione (di 18 o 25 anni). Nel primo caso le tariffe sono un pò più basse, ma ovviamente lo scenario che più convince è proprio il secondo per una vita dell’impianto fino al 2040!!!
Le tariffe cosiddette “al cancello” (cioè per chi conferisce) sono previste per 200 €/t (+ o -), comprensive del 7% di indennità ambientale da conferire ai comuni (vedi qui). In base a semplici calcoli di tariffa di accesso per il totale dei rifiuti che possono essere trattati dall’impianto (200 €/t x 60.000 t/a), viene fuori che il 7% del disagio ambientale ammonterebbe a 840.000 Euro annui…….così suddivisi: a Rufina (per convenzione) spetta  il 60%, cioè  504.000 Euro, a Pontassieve il 30%, cioè 252.000 Euro e a Pelago solo il 10%, cioè 84.000 Euro. Rufina e Pontassieve ci guadagnano abbastanza con questi disagi (a proposito ma se l’inceneritore non è dannoso nè alla salute  nè all’ambiente ed è pure così bello da vedere……. perchè ci sono i disagi?).
Da tenere presente però che la suddetta tariffa al cancello di 200 €/t (destinata poi ad aumentare nell’ultimo anno fino ad arrivare a 317 €/t), risulta così alta che potrebbe non essere conveniente per nessuno far trattare i rifiuti nell’inceneritore di Selvapiana.
Perchè infatti qualcuno dovrebbe spendere così tanto per bruciare i suoi rifiuti, quando altrove trova prezzi più vantaggiosi?
Chi potrebbe essere così passo, con la crisi di cui non si vede fine, dal preferire lo smaltimento a Selvapiana e  non altrove?
Cliccate qui per continuare a leggere

15 marzo, Pontassieve: assemblea pubblica Inceneritore

Per conoscere le possibili ALTERNATIVE e gli aspetti meno noti del MEGAIMPIANTO.

Interverranno:

  • Ivan Cicconi: aspetti economici e societari
  • Claudio Tamburini: aspetti legali
  • Fabrizio Bestini: alternative
  • Gianluca Garetti: salute
  • Lido Contemori: vignettista

E’ stato invitato il Sindaco Bencistà per la recente adesione del comune di Greve alla strategia “Rifiuti Zero”, come anche gli amministratori dei comuni della Valdisieve promotori dell’impianto di incenerimento in località Selvapiana.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: