Archivi tag: tutela territorio

Progetto Mensano. Il Comitato Difensori della Toscana: “Chi l’ha vista? Cercasi pratica per vincoli paesaggisti scomparsa in Regione Toscana”

Fonte: Qui Siena
Di: David Busato

Il 19 Dicembre una delegazione del Comitato a Firenze per la presentazione ufficiale del
nuovo piano paesaggistico della Regione. Dubbi e timori.
L’incontro del 19 Dicembre in Regione a Firenze

Siena – Progetto Mensano. Il Comitato dei Difensori della Toscana continua a nutrire dubbi e perplessità sulla vicenda. Il 19 dicembre, infatti,  presso gli uffici della Regione Toscana in Piazza Unità a Firenze, una delegazione del comitato si è recata alla presentazione ufficiale del nuovo piano paesaggistico della Regione Toscana che verrà approvato nei prossimi mesi. Forte il sospetto nel Comitato di essere stati “snobbati”.
“Il 19 dicembre – affermano dal Comitato –  presso gli uffici della Regione Toscana in Piazza Unità 1 a Firenze, una delegazione del nostro comitato si è recata alla presentazione ufficiale del nuovo piano paesaggistico della Regione Toscana che verrà approvato nei prossimi mesi. La partecipazione all’evento si è resa necessaria per il timore, poi purtroppo confermato, che un’istanza di tutela del paesaggio, sottoscritta da diverse associazioni e tremila cittadini e presentata alcuni mesi prima agli uffici regionali, non fosse stata presa in considerazione. Il sospetto di essere stati “snobbati” era sorto vedendo che nessuno degli uffici regionali preposti rispondeva alle email inviate, nemmeno a quelle di posta certificata che notoriamente vengono protocollate”.
I fatti in questione? “In data 11 febbraio 2013, – continuano –  volendo tutelare il proprio territorio, “I Cittadini della Toscana, dell’Italia e del Mondo”, il “Comitato Difensori della Toscana”, l’Associazione “Casolenostra”, l’Associazione “Ecomuseo Borgo La Selva” e “WWF”, raccogliendo circa 3000 firme, hanno presentato richiesta di attivazione della Procedura di Dichiarazione di notevole interesse pubblico (art. 136 e succ. D.Lgs. n. 42 del 22 gennaio 2004) del paesaggio di Casole d’Elsa-Monteguidi-Mensano-Radicondoli. Tale richiesta è stata ufficialmente sostenuta dal FAI – Fondo Ambiente Italiano, che per statuto svolge attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico. Già in passato, nel gennaio 2008, la Sezione senese di Italia Nostra richiese l’attivazione di una procedura di apposizione di vincolo paesaggistico per le aree situate nel Comune di Casole d’Elsa. Quindi ieri, durante l’incontro in Regione, è stato chiesto al relatore, prof. Morisi, garante della comunicazione per la partecipazione nel governo del territorio, se la richiesta firmata da 3000 cittadini e cittadine fosse stata presa in considerazione. La risposta è stata che la pratica deve ancora essere valutata. A tal proposito abbiamo preparato un breve comunicato stampa che invieremo nei prossimi giorni ai giornali e ai blog”.
Insomma dubbi e perplessità, con il passare dei mesi, aumentano: “ Il Comitato dei Difensori della Toscana è in allarme poiché la richiesta di vincoli paesaggistici sottoposta alla Regione Toscana nel marzo 2013, sembra essersi volatilizzata nel nulla e nessuno sa dove possa essere finita.  Che dire? Che possa essere rimasta sepolta sopra qualche scrivania di qualche funzionario troppo oberato per dar corso alla richiesta o per rispondere alle numerose sollecitazioni? Ci si chiede infatti quanto si debba ancora attendere per ottenere la risposta ufficiale dalle autorità competenti. Ricordiamo che la richiesta di attivazione della Procedura di Dichiarazione di notevole interesse pubblico (art. 136 e succ. D.Lgs. n. 42 del 22 gennaio 2004) del paesaggio di Casole d’Elsa-Monteguidi-Mensano-Radicondoli (SI) è una petizione che ha raccolto oltre 3000 firme lo scorso mese di febbraio, e rappresenta attualmente, l’unico strumento in mano ai cittadini per difendere e proteggere l’integrità del territorio  in assenza di una legislazione specifica in materia.
Tale iniziativa è stata sostenuta da “I Cittadini della Toscana, dell’Italia e del Mondo”, il “Comitato Difensori della Toscana”, l’Associazione “Casolenostra”, l’Associazione “Ecomuseo Borgo La Selva” e “WWF Siena”. Inoltre, tale richiesta è stata ufficialmente sostenuta con atto proprio dal FAI – Fondo Ambiente Italiano, che per statuto svolge attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico di cui al D. Lgs. 22 gennaio 2004, n.42.
Il Ministro Massimo Bray durante la trasmissione “Che Tempo che fa” del 15 Dicembre affermava:…”Il nostro primo dovere è quello di tutelare il nostro patrimonio culturale…ad esempio il paesaggio, quante volte è stato ferito in maniera cosi grave…”  Il progetto Mensano, con la possibile costruzione di centrali geotermiche infatti, non solo deturperebbe il paesaggio ancora intatto in grande parte della zona, ma costituisce una minaccia per la salute e le capacità produttive degli abitanti che da anni hanno fatto enormi investimenti economici nei settori dell’agricultura e del turismo culturale e ambientale.
Non bastano dunque investimenti economici, occorrono leggi che proteggano gli interessi della collettività contro gli interessi di quei pochi senza scrupolo, e amministratori capaci che facciano rispettare i diritti della comunità. Restiamo in fiduciosa attesa…”

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: