Archivi tag: zona del rio

Un nuovo problema ambientale, i segnavia di plastica sui percorsi escursionistici

Fonte: Wwf Cesena

Ci capita frequentemente nel corso di passeggiate organizzate in alcune località di pregio ambientale delle nostre vallate appenniniche, di riscontrare l’apposizione di banderuole di PVC legate ai rami degli alberi e di segnavia di plastica collocati lungo i percorsi sentieristici.
E’ stato anche facile capire che questi segnavia vengono posti lungo i percorsi in occasione di gare di Enduro o di Mountain Bike, organizzate da alcune società sportive, ma non si sa se autorizzate o meno dalle amm. pubbliche competenti. Nel caso delle moto infatti occorre ricordare che in base alle direttive regionali e alle norme del Piano Paesistico, tutti i percorsi esistenti negli ambiti delle Comunità Montane e non adibiti al transito veicolare (come ad es. i sentieri o le vecchie mulattiere) sono interdetti al traffico motorizzato, che non sia motivato da ragioni di conduzioni dei terreni, senza distinzioni fra auto o moto.
Oltre al problema dei transiti illeciti delle moto, si aggiunge ora il fatto che la plastica collocata lungo i percorsi interessati non sempre viene raccolta, bensì lasciata sul posto. Precisiamo che in alcune occasioni è stata la nostra Associazione ad individuare gli organizzatori delle gare e a convircerli ad effettuare la pulizia. Ora tuttavia sembra che il fenomeno vada diffondendosi, citiamo ad es. nella circostanza, i segnavia in pvc posti sui sentieri della zona SIC di Montetiffi (Sogliano al Rubicone), già segnalati al CFS per gli opportuni provvedimenti, e quelli collocati dagli enduristi recanti il logo del moto-club “Sgarzani e Canonici” nella zona del Rio Greppia (Alta Valle del Borello).
Si chiede dunque alle autorità pubbliche di imporre regole precise che comportino l’immediato recupero della plastica dopo lo svolgimento di gare di Mtb, e il divieto fuori dai percorsi stradali per quelle motorizzate.
Sarebbe davvero il colmo aver introdotto il divieto all’uso di sportine di plastica nei supermercati e continuare in questo modo a diffondere nell’ambiente lo stesso materiale!
Si ritiene infatti che detti segnavia siano deturpanti e che la loro mancata rimozione al termine delle competizioni (che devono essere comunque autorizzate) costituisca un’evidente violazione alle norme che vietano l’abbandono di rifiuti non biodegradabili nell’ambiente naturale.
WWF Cesena, il Presidente, Ivano Togni

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: