Piazza della Vittoria: come intervenire sul verde pubblico storico con la polizia piuttosto che con tecnici giardinieri.

 

I cittadini chiedevano partecipazione e l’amministrazione, il giorno dopo ferragosto, ha risposto manu militari per imporre il taglio degli alberi in Piazza della Vittoria a fronte di incontri pubblici, conferenze stampa che avevano presagito un possibile percorso di gestione comunitaria degli spazi pubblici nel Q5 della città.

Coerente con sé stessa, già due anni fa, per il taglio degli ippocastani di viale Corsica, l’amministrazione comunale si era nascosta dietro l’uso della forza pubblica, poiché incapace di interloquire con la popolazione residente. Nel caso di Piazza della Vittoria, il quotidiano La Repubblica cita l’espressione “incursione militare”. Gli alberi di per sé rivestono un valore simbolico, oltre a tutti gli aspetti legati alla loro multifunzionalità’ ambientale, un alto valore simbolico – politico. Ce lo ricordano la difesa del Gezi Parki a Istanbul nel 2013, oppure il Chipko Moviment in India all’inizio degli anni Settanta, dove la difesa dei diritti dei cittadini si sposava con la sopravvivenza di alberi in aree a parco urbano ed in aree protette.

Continua a leggere →

Annunci

Cacciatori nell’area protetta del Padule di Fucecchio: il comunicato del WWF integralmente condiviso da Italia Nostra

COMUNICATO STAMPA DEL WWF
FUCILI E SPARI NELLA RISERVA NATURALE
LA QUESTIONE CINGHIALE USATA COME GRIMALDELLO PER FAR ENTRARE I CACCIATORI NELL’AREA PROTETTA
ANCORA UN ATTACCO AL PADULE DI FUCECCHIO ED ALLA SUA CONSERVAZIONE

continua a leggere

 

Erosione, sviluppo e interventi di difesa litoranea sul Golfo di Follonica

Nell’edizione di sabato 3 agosto 2019, il Tirreno descrive un progetto regionale per la difesa costiera del litorale della Costa Est che prevede un investimento di 3,387 milioni di euro ca. Stando alla redazione, la scelta cade sul tratto che a partire da 300m a ovest di Torre Mozza si stende per 1,2 km fino al Golfo del Sole.

continua a leggere.

Il piano cave regionale cancella l’area estrattiva di Vignoli

Nell’ambito del nuovo piano cave della Regione Toscana, con il no unanime di due commissioni, si è concluso l’iter per l’apertura di una cava all’interno del bellissimo paesaggio storico-rurale delle Piagge in località Vignoli (tra Ponte a Buriano e Pieve San Giovanni, Comune di Capolona, AR).

Il progetto pianificato dal Comune di Capolona si è sgretolato di fronte ai numerosi vincoli cui l’area è soggetta, vincoli sottostimati dalla VAS comunale e invece messi in rilievo dalle osservazioni curate dalla sezione fiorentina di Italia Nostra e dal comitato di Valle delle Piagge.

Di seguito pubblichiamo un estratto del comunicato stampa della Regione Toscana.

Continua a leggere →

Dalla foresta urbana alla prateria urbana: e’ questo il nuovo piano del verde del Sindaco di Firenze?

L’amministrazione fiorentina è uscita vincente dalle ultime elezioni politiche con un fare camaleontico, quasi una bioinspiration politica, cangiando d’improvviso colore, diventando – ma solo apparentemente – verde. E’ solo un greenwashing istituzionale che trasforma la politica in marketing dando «un’immagine di sé ingannevolmente positiva». La conversione ecologica esige un substrato culturale profondo ed il nostro Paese ne difetta da anni e tanto più il ceto politico. Il partito tradizionalmente a cultura verde in Italia ha raggiunto a malapena quota 2%….

L’idea dunque di fare di Firenze la città più verde al mondo (peraltro ci sono molte città nel mondo già campionesse in greening) è sorprendente e quanto mai suggestiva. Pareti vegetali agli immobili, giardini pensili, verde di copertura dappertutto…Bellissimo, fortissimo…Ma come? Quando?

Continua a leggere →

Alberature di Piazza della Vittoria: Pinus Pinea

 

31 luglio 2019: Italia Nostra richiede precisazioni sul ripristino del patrimonio arboreo originario

2 agosto 2019: La risposta della Direzione Ambiente del Comune di Firenze

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: