Italia Nostra Firenze. Tesseramento 2021

Associati e coinvolgi tanti nuovi amici. Regalati la tessera di Italia Nostra e donala ai tuoi amici per proseguire una storia lunga oltre 60 anni di iniziative, progetti e battaglie per il Paese

Per aderire  vai qui

Piombino, nuovo porto turistico alla foce del Cornia Vecchio. Le sabbie del dragaggio per la costruzione del portio verrebbero utilizzate per il ripascimento delle spiagge del Quagliodromo e di parte della costa Est. E’ indispensabile la VIA, no alla procedura semplificata.

Ciò che è finito alla foce del Cornia vecchio (e forse finisce ancora?) dagli scarichi sul fosso e dagli scoli a mare

La Cooperativa “La Chiusa Pontedoro” sta portando avanti il già approvato progetto di costruzione di un porto turistico e per pescherecci nella Chiusa al porto di Piombino, approdo strategico per imbarcazioni di lusso fino a 18 metri che volessero visitare l’Arcipelago Toscano e la nostra bellissima costa.[…]  

Il 31/03/2021 la Cooperativa ha presentato domanda di “non assoggettabilita’ alla VIA” per un NUOVO progetto: il ripascimento del litorale ad Est del Polo. Secondo questo progetto, le sabbie del dragaggio necessario alla costruzione del porticciolo verrebbero utilizzate per il ripascimento del Quagliodromo e di parte della costa Est. LEGGI TUTTO

Venerdi 25 giugno alle 18 a Novoli, l’Associazione Novoli Bene Comune e L’Unità di Ricerca “Paesaggio, patrimonio culturale, progetto” del’UNIFI organizzano un incontro con Eike Schmidt dal titolo “Uffizi diffusi, un museo in cammino”

Associazione Idra. Oltrarno: in crisi il rapporto fiduciario fra popolazione e squadra di governo della città. Il comunicato stampa con i contributi di Leonardo Rombai e Renato Zangheri


Associazione di volontariato Idra. COMUNICATO STAMPA, 21.6.’21

Oltrarno: al decimo messaggio, severa tirata d’orecchi alla giunta .“Il rapporto fiduciario fra popolazione e squadra di governo della città si sta pericolosamente erodendo?”

Non si arresta il fiume di sollecitazioni che il mondo della cultura trasmette a Palazzo Vecchio perché cambi rotta nella gestione urbanistica della città e nel rapporto con la popolazione residente, sempre più assottigliata e in sofferenza.

Dopo Laura Baldini, Ilaria Borletti Buitoni, Giovanni Fanelli, Anna Guarducci, Paola Grifoni, Marinella Del Buono, Pier Paolo Donati, Alvaro Company, Luca Pezzuto, Antonio Paolucci, Antonio Natali, Bernardo Francesco Gianni, Piero Gensini, Oliva Rucellai, Carlo Spagnolo, Angelo Gaccione, Paolo Ventura, Lorenzo Orioli e Marco Massa, col decimo messaggio arrivano stamani sul tavolo del sindaco e degli assessori le testimonianze di altri due notissimi studiosi: Leonardo Rombai, già professore ordinario di Geografia all’Università di Firenze, e Luigi Zangheri, presidente emerito dell’Accademia delle Arti del Disegno.

“Per un’urbanistica al servizio dei cittadini”: così titola il suo intervento il presidente di Italia Nostra Firenze. Urge abbandonare la strategia della monocoltura turistica, “con espulsione di attività artigianali e commerciali e di residenze dei cittadini, a favore di affitti gestiti dalle piattaforme online, di alberghi e resorts di lusso, esercizi e negozi rivolti agli ospiti” e puntare sul soddisfacimento delle esigenze dei cittadini: residenze, servizi specifici adeguati, spazi verdi e di socializzazione, nel rispetto delle esigenze del patrimonio storico-culturale. Ora o mai più”. LEGGI TUTTO

Decreto Semplificazioni: de-va-stan-te. La memoria e le proposte di emendamento di Italia Nostra presentate alle Commissioni della Camera

Memoria su AC 3146 – audizione del 17/06/2021

Se questo decreto non subirà modifiche sostanziali, segnerà l’affermazione di quello che, per l’ambientalismo industriale, è il significato di transizione ecologica: passare da un modello economico territoriale ad alto contenuto occupazionale basato sull’agricoltura di qualità, sul turismo e sulla cultura a un modello industriale specializzato nella produzione energetica alternativa, a basso contenuto occupazionale e ad altissimo rendimento economico per le imprese. Leggi Tutto

Memoria per audizione parlamentare in commissione ambiente: l’accelerazione delle procedure autorizzatorie di impianti ad energia rinnovabile.

 Allo scopo di accelerare e snellire le procedure attuative del Recovery Plan il Governo ha varato il Decreto Legge “Semplificazioni” n. 77/2021, che solleva obiettivi motivi di preoccupazione – ad avviso di questa Associazione – in relazione all’impatto degli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili nei riguardi della tutela degli habitat naturali, del paesaggio e della biodiversità. Si ricorda che, all’interno del pilastro della transizione verde, una consistente quota di finanziamenti (oltre 4 mld di euro) è destinata alla promozione della realizzazione di tali impianti, che entro il prossimo trentennio dovranno assicurare la quasi totalità del fabbisogno energetico, con particolare riferimento agli impianti eolici e fotovoltaici, sia a terra che in mare. Leggi tutto

D.L. 77-2021 art. 29 (Sovrintendenza speciale) Proposta emendamento

La Soprintendenza speciale svolge funzioni di coordinamento nazionale, vigilanza e monitoraggio dell’attuazione degli interventi previsti dal PNRR sui beni culturali e paesaggistici sottoposti a VIA in sede statale e opera avvalendosi, per l’attività istruttoria, delle Soprintendenze archeologia, belle arti e paesaggio. In caso di inerzia o inadempienza, per assicurare la tempestiva attuazione del PNRR, la Soprintendenza speciale può esercitare, con riguardo a ulteriori interventi strategici del PNRR, i poteri di avocazione e sostituzione nei confronti delle Soprintendenze archeologia, belle arti e paesaggio. Leggi tutto

Presidio davanti alla Regione contro le pale eoliche industriali sull’Appennino Mugellano. Interviste e conferenza stampa

TvR Teleitalia, 17 giugno (al minuto 10.30) . Interviste a Mariarita Signorini (Italia Nostra), Paolo Chiappe, Giancarlo Tellini (Presidente Toscana Club Alpino Italiano)

Radio24ilsole24ore, Effetto Giorno ( Italia Bianca, puntata del 18 giugno, al minuto 30). Intervista a Mariarita Signorini

PETIZIONE PER UN PONTE SOSTENIBILE SULL’ARNO A LASTRA A SIGNA

Insieme al Circolo Legambiente di Lastra a Signa veicoliamo la petizione allegata avverso il previsto Ponte d’Arno a Lastra a Signa con impatto devastante sul Parco dei Renai: suggeriamo una soluzione assai più sostenibile come quella già in qualche modo considerata fra lo svincolo FIPILI e l’Indicatore.

Preghiamo tutti – Soci e cittadini – di sottoscrivere

L’adesione può essere indirizzata con email a italianostrafirenze@gmail.com

Scrivendo: “Sottoscrivo la petizione avverso il nuovo Ponte sull’Arno a Lastra a Signa promossa da Legambiente e Italia Nostra”.

Cognome e nome – luogo e data di nascita – comune di residenza

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: