Archivi della categoria: Impruneta

“Via di Naldino – Strada Comunale”: istorie imprunetine dell’estate 2020

Riceviamo e divulghiamo condividendo l’intervento dei Verdi per Impruneta che, tra l’altro, ci permette di ricordare, con queste brevi righe di Mariarita Signorini, il nostro Consigliere Augusto Boggiano, docente di architettura, all’Università di Firenze, purtroppo precocemente venuto a mancare. Augusto Buggiano, su incarico del Comune, ha curato un volume memorabile:’ ‘Passeggiare Firenze, studio di fattibilità di un sistema di percorsi pedonali all’interno delle aree extraurbane”.  Lo presentammo alla cittadinanza in varie occasioni e a Villa Bandini nella Biblioteca del Quartiere 3 con grande partecipazione di pubblico. Si tratta di un testo unico nel suo genere a cui si dovrebbe fare ricorso per curare e valorizzare quello straordinario reticolo storico che dalle colline ci permetterebbe ancora di godere di straordinari punti di vista sulla città e sul nostro bellissimo territorio’.

“VIA DI NALDINO – STRADA COMUNALE”: ISTORIE IMPRUNETINE DELL’ESTATE 2020

E’ scomparso il “cartello artistico” in legno che indicava la Via di Naldino, all’altezza dell’incrocio con la via di Ponte a Jozzi: chi ne avesse notizie o l’avesse notato aggirarsi per altre zone e’ pregato di segnalarlo. Con affetto, amiche e amici ne attendono fiduciosi il ritorno.
Aveva qualche annetto, forse non era in perfetta forma, ma sempre disponibile ad indicare ai viandanti che quella era (ed è), la “Via di Naldino – strada comunale”. LEGGI TUTTO

Villetta abusiva della collina di Mezzomonte (Impruneta). Secondo rinvio a giudizio del proprietario Massimo Aragiusto, e primo rinvio a giudizio dei tre tecnici del Comune (Corsinovi, Tapinassi e Trefoloni). La soddisfazione di Italia Nostra

Italia Nostra accoglie con piena soddisfazione la notizia del rinvio a giudizio dei tre dirigenti del Comune di Impruneta Leonello Corsinovi, Paola Trefoloni e Vittorio Tapinassi che “avrebbero favorito (tra il 2016 e il 2017), secondo il Pubblico Ministero Paolo Barlucchi, gli abusi edilizi nella proprietà dell’avvocato e ricercatore universitario Massimo Aragiusto, anch’egli imputato, situata in Via di Pozzolatico, zona sottoposta a vincoli paesaggistici” (così l’articolo Impruneta, urbanistica a processo, edito in “La Nazione” del 24 gennaio 2020).

Italia Nostra – da circa venti anni impegnata attivamente nella denuncia dell’abuso, commesso mediante la costruzione di una villetta nella panoramica collina di Mezzomonte – ricorda che il nuovo processo, apertosi con udienza preliminare il 23 gennaio, si aggiunge al processo in corso, con imputato il solo Massimo Aragiusto, quale esecutore delle opere abusive, avviatosi con udienza 8 maggio 2019.

Italia Nostra – che si è costituita parte civile in entrambe le cause – esprime però la propria totale insoddisfazione per il comportamento di estraneità alle dette vicende giudiziarie manifestato dal Sindaco e dalla Giunta Comunale di Impruneta, con il loro non motivato rifiuto alla costituzione di parte civile: rifiuto che va oggettivamente a detrimento degli interessi della comunità imprunetina, a partire da quelli primari della tutela del Patrimonio.

 

Firenze 26 gennaio 2020

 

Italia Nostra Sezione di Firenze

Riceviamo dal Gruppo Verdi Per Impruneta: VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO DI IMPRUNETA, VIA BARDUCCI: AL VIA LE OSSERVAZIONI BIS

 

Ce l’avessero solo raccontato non ci avremmo potuto credere. Eppure è così!

Nei giorni scorsi il Consiglio comunale di Impruneta ha approvato la “Variante gestionale al Regolamento Urbanistico”, che ricomprende anche il contestato intervento dalla previsione di nuova edificazione residenziale in zona Via Barducci (intervento TRr05) a Tavarnuzze.

Nella delibera di approvazione sono contenute anche le riposte fornite del Consiglio Comunale alle osservazioni presentate dai cittadini, tra cui quella presentata dai Verdi per Impruneta sulla nuova edificazione prevista in via Barducci, di cui si rileva che l’edificazione rientra nella fascia di inedificabilità prevista dalla L.166/2002 che prevede tale vincolo fino a 200 metri dal perimetro del cimitero di Montebuoni-Tavarnuzze.

Continua a leggere →

OSSERVAZIONI DI ITALIA NOSTRA ALLA VARIANTE DELLA SCHEDA DI TRASFORMAZIONE TRr 05 – TAVARNUZZE, FACENTE PARTE DELLLA VARIANTE GESTIONALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATA CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE n. 125 DEL 18 DICEMBRE 2018 (VARIANTE SEMPLIFICATA AI SENSI DEGLI ART. 30 E 32 DELLA L.R. 65/2014)

Questa Associazione rileva che la delibera n. 125 del 18/12/2018 di Variante gestionale al Regolamento Urbanistico (R.U.), adottata dal Consiglio Comunale, prevede l’espansione edilizia nell’abitato di via Barducci a Tavarnuzze, zona ormai completamente satura, tramite la costruzione di 9690 metri cubi di nuovi edifici a cinque piani per circa 40 appartamenti più garage seminterrati (con nuove strade e nuovi parcheggi) dietro la locale scuola media, a ridosso dell’area boscata della Vallombrosina costituente invariante strutturale. Continua a leggere →

Lettera al Sostituto Procuratore Dottor Paolo Barlucchi di Firenze sulla Relazione peritale del Geom. Stefano Morandi, Consulente Tecnico per la Procedura n. 16995/16 (abuso edilizio in località Monteoriolo – Impruneta)

05 PeriziaMorandi_Impruneta

L’incarico affidato dalla Procura della Repubblica al CT consiste nella redazione di una cronistoria dei fatti, prendendo “visione degli atti”, ed eventualmente di eseguire sopralluoghi sul posto (“esperito eventuale sopralluogo”), al fine di verificare la conformità dello stato dei luoghi in rapporto alla fondatezza o meno dell’ordinanza n. 95/2016 e agli illeciti presenti nel complesso edilizio di via Imprunetana per Pozzolatico nc. 92-94-96 in loc. Monteoriolo di proprietà Massimo Aragiusto.

Dalla documentazione acquisita in Comune emerge quanto segue:

Ia. Il 14.4.1994 l’Aragiusto compra da Naldini G. il complesso immobiliare composto da:

  1. A) al nc. 96 un quartiere terra tetto, ex fienile
  2. B) una serra, una porcilaiaed un magazzino il tutto per complessivi mq. 60; tutti dichiarati essere stati realizzati prima del 1.9.1967

Continua a leggere →

La nuova stagione del governo del territorio in Toscana (Firenze, Palazzo Strozzi Sacrati, 30 novembre 2017) – Tavola rotonda “Il paesaggio toscano fra tutela, valorizzazione e innovazione”.

15_PaesaggioRadda in Chianti

Esprimo il vivo compiacimento mio e di Italia Nostra (ma sono convinto anche delle altre associazioni di tutela) per questa bella realizzazione editoriale, il “Rapporto sullo stato delle politiche del paesaggio (Roma, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo-Osservatorio Nazionale per la Qualità del Paesaggio. 2017)”, prodotto veramente collegiale, assai bene riuscito, che costituisce uno strumento di grande rilievo per chiunque (amministratori, architetti urbanisti, altri professionisti e tecnici del territorio, studiosi, cittadini): una vera preziosa guida aggiornata e affidabile sulle leggi e normative, sui piani, sulle realtà territoriali delle singole regioni e del paese. Il lettore ne apprezza i contenuti (le realizzazioni esemplari o più o meno positive in materia, le criticità e i ritardi di attuazione) e ne apprezza anche i metodi e lo spirito critico e propositivo che sorreggono l’opera.

Continua a leggere →

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: