Archivi della categoria: Castelfalfi-Montaione

Castelfalfi ed il “resortismo”

Diamo volentieri spazio a questo comunicato sulla salvaguardia di Castelfalfi.
Italia Nostra da sempre combatte per preservare il borgo toscano; insieme a WWF abbiamo presenziato gli incontri del cosidetto processo di ‘democrazia partecipativa’ e abbiamo fatto le osservazioni al progetto devastante e aberrante che definire kitsch è dir poco!
Castelfalfi, nell’ultima propagine della provincia fiorentina che confina con Siena e Pisa, è un paesaggio ancora intatto e per questo va preservato.

Continua a leggere →

Rassegna stampa sull’appello per la tutela di Castelfalfi

Clicca qui per leggere l’appello.

Fonte: Eddyburg, 14 dicembre 2007

Un appello per evitare l’alienazione di Castelfalfi

Premessa
Ci siamo occupati più volte del borgo sulle colline toscane che ha il buffo nome di Castelfalfi. Siamo stati tra i primi, insieme alla rivista Valori, a riportare un articolo di Paola Baiocchi che denunciava con preoccupazione, il 9 settembre scorso, la notizia di un intero borgo sottoposto a una totale trasformazione ad “altro da sé” (cioè, in senso proprio, “alienato”). Abbiamo ripreso l’argomento il 12 novembre, inserendo un articolo de il Tirreno dove Paolo Santini e Lucia Alterini informavano ampiamente del dibattito in corso. Il 17 novembre il settimanale Carta ha pubblicato una corrispondenza sull’argomento di Sandro Roggio e un intervento di Edoardo Salzano, che troverete entrambi in questo sito. Ma delle questioni che stanno a fianco e dietro quella di Castelfalfi troverete abbondante testimonianza nella cartella dedicata alla Toscana, e non solo in quella.
Continua a leggere →

Castelfalfi: Italia Nostra, Wwf e Legambiente contro il progetto della Tui

Fonte: La Nazione, Cronaca di Empoli

Diamo un taglio a Castelfalfi
Italia Nostra, Wwf e Legambiente contro il progetto della Tui

Con una lettera aperta agli amministratori locali e regionali Italia Nostra, Legambiente e Wwf fanno uscire dai confini comunali il progetto della multinazionale tedesca Tui di realizzare a Castelfalfi (Montaione) un mega-insediamento turistico: «Un’operazione, spiegano gli ambientalisti da circa 300 milioni di euro se si sta a quanto dichiara la stessa Tui, colosso dell’industria turistica tedesca. Un affare da milioni di euro che snaturerà di fatto Castelfalfi, la sua storia, il suo ambiente, il suo paesaggio. Un progetto che avrà un impatto grave e senza precedenti non solo sull’ecosistema locale, ma anche sulla sua armatura culturale e socio-economica».
Per questo, sostengono le tre associazioni, «la politica toscana deve decidere oggi e qui, a Castelfalfi, se vuole davvero inaugurare un percorso improntato alla sostenibilità e alla conservazione delle migliori risorse del proprio territorio (risorse naturali, storiche, culturali, estetiche e anche produttive), oppure se vuole abdicare al proprio ruolo di governo, consegnando di fatto ad una multinazionale straniera carta bianca sulla pianificazione locale».
Un rischio che, sottolineano gli scriventi, si era voluto evitare con «la legge regionale per il governo del territorio e con il Piano di Indirizzo Territoriale che individua alcuni sistemi fondamentali e caratterizzanti del territorio e del paesaggio toscano, che come tali devono costituire delle invarianti nel processo della pianificazione territoriale. Fra questi sistemi è stato correttamente inserito il patrimonio collinare toscano».
Italia Nostra, Legambiente e Wwf, chiedono a Comune, Provincia e Regione di rispettare quelle indicazioni di legge e alla dirigenza di Tui di ridimensionare radicalmente il progetto. Sarebbe un segnale di ragionevolezza di enorme portata e una grande vittoria per tutti. Per le Istituzioni, che vedrebbero sancita la coerenza tra atti d’indirizzo pianificatorio e prassi di governo territoriale, per gli Imprenditori che vedrebbero esaltata la propria attenzione per l’ambiente toscano, per i Cittadini tutti, che vedrebbero finalmente riconosciuto il loro diritto ad un territorio salvaguardato per le attuali come per le future generazioni».

Castelfalfi: considerazioni di Italia Nostra e WWF sul progetto

Di seguito trovate il contributo consegnato l’8/11/2007 e distribuito all’assemblea pubblica di Montaione da parte di Italia Nostra e WWF per la questione Castelfalfi. Anche Legambiente è intervenuta sulla questione con documenti presentati in occasioni precedenti.
Italia Nostra chiede la massima attenzione alle altre associazioni, comitati, cittadini ed istituzioni perchè le problematiche inerenti sono di tali dimensioni che serve davvero un impegno corale in difesa di quest’angolo di Toscana che non è secondo per bellezza, stato di conservazione e paesaggio alla Valdorcia.
Il sito dove potete trovare le informazioni sul dibattito pubblico in corso è www.dp-castelfalfi.it/home.page.
Inoltre vi segnaliamo il sito tedesco http://wwwalt.engelvoelkers.com/castelfalfi-toskana/. Potete trovarvi tutte le indicazioni per comprare una fettina di Castelfalfi. Prezzi a partire da 5.000 euro a metro quadro, durante il processo di partecipazione i casali sono già in vendita! Continua a leggere →

Salviamo le colline di Castelfalfi: lettera aperta di Italia Nostra, Wwf e Legambiente

Al Sindaco di Montaione, Paola Rossetti
Al Presidente della Regione Toscana, Claudio Martini
All’Assessore all’Urbanistica e al Paesaggio della Regione Toscana, Riccardo Conti
All’Assessore al Servizio idrico e alla Difesa del Suolo, Marco Betti
Al Garante della Comunicazione della Regione Toscana, Massimo Morisi
Al Presidente della Provincia di Firenze, Matteo Renzi
Alla Presidente del Circondario Empolese Valdelsa, Luciana Cappelli

Firenze, 7 novembre 2007

Oltre 140.000 m3 di nuove costruzioni, 162 ettari di campo da golf, nuove piazze, parcheggi per quasi 700 posti auto, la creazione di nuovi villaggi in luoghi dove oggi insistono solo campi, aree boscate, oliveti e casali isolati. Questo è ciò che una multinazionale del turismo vorrebbe portare sulle colline toscane, nel Comune di Montaione. Un’operazione, fra acquisto dell’area e lavori ipotizzati, dell’entità di circa 300 milioni di euro se si sta a quanto dichiara la stessa TUI, colosso dell’industria turistica tedesca.
Un affare da milioni di euro che snaturerà di fatto Castelfalfi, la sua storia, il suo ambiente, il suo paesaggio. Un progetto che avrà un impatto grave e senza precedenti non solo sull’ecosistema locale, ma anche sulla sua armatura culturale e socio/economica.
Continua a leggere →

Montescudaio: meno di trecento cittadini alla consultazione popolare sulla scelta dei progetti

Fonte: Il Tirreno
Di: Alessandro De Gregorio

Montescudaio
Meno di trecento cittadini alla consultazione popolare sulla scelta dei progetti

Eolico, vota soltanto il 18%
Il sindaco: «Ma l’indicazione c’è stata e la seguiremo»

Parco eolico: la gente non blinda il progetto
Bassa affluenza (18%), dalle urne solo un’indicazione non vincolante
285 votanti su 1.583, quasi la metà ha scelto la proposta di Green energy solution 

Sarà stata la tramontana. O l’appello di Italia nostra. O magari il presidio di quelli del Coordinamento eolico sostenibile, che dalle 8 alle 20 si sono piazzati davanti ai seggi invitando la gente a lasciar perdere. Fatto sta che la scheda nell’urna ce l’hanno infilata in pochi: 285 su 1.583 aventi diritto. Il 18%. E così niente scelta vincolante, nessun progetto blindato dalla volontà popolare.
La palla torna al Comune. Come previsto, aggiungono maliziosamente gli anti-parco.
Continua a leggere →

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: