Comunicato stampa di Italia Nostra sulla Conferenza dei Servizi sull’impianto a pellet

L’Unione Montana dei Comuni del Mugello ha negato alla Associazione ITALIA NOSTRA – riconosciuta ai sensi dell’art. 13 della legge n. 349/1986 e legittimata ad agire anche in giudizio per la tutela di interessi ambientali – la possibilità di assistere alla conferenza di servizi indetta dal SUAP per il 14 settembre alle ore 11 per esaminare la richiesta della ditta Mugello Biocombustibili (di fatto riconducibile alla ditta RENOVO che ha già ottenuto il permesso di costruire la contestatissima centrale a biomassa, senza verifica di assoggettabilità alla VIA) di realizzare un impianto di produzione pellet in loc. Petrona-La Torre. Diniego che non trova giustificazione nella legislazione vigente che non nega esplicitamente la facoltà di presenziare alla Conferenza dei servizi, lasciando di fatto la facoltà di decidere al SUAP.
La nostra associazione ha comunque presentato Osservazioni che l’Unione Montana ha l’obbligo di valutare e per le quali chiede una adeguata ed esaustiva risposta scritta. Contestualmente Italia Nostra ha rivendicato il diritto a partecipare al provvedimento nelle forme esplicitamente consentite dalla Legge e cioè prendendo visione della documentazione relativa alle sedute della Conferenza dei Servizi complete di verbali e di pareri espressi o acquisiti in tale sede, riservandosi inoltre di chiedere al Responsabile del SUAP apposita riunione con le Amministrazioni competenti, da convocarsi entro 10 gg. dalla richiesta.
Due le osservazioni presentate: la prima, basata sulle sentenze in materia di VIA della Corte Costituzionale, del Consiglio di Stato e del TAR Toscana, è inerente l’obbligatorietà di effettuare la verifica di assoggettabilità alla valutazione di impatto ambientale (VIA) per l’intero complesso industriale da installarsi nel PIP di Petrona, composto di fatto da centrale termoelettrica a biomasse e impianto per la produzione del Pellet ad essa collegato. L’impianto per la produzione del pellet costituisce a tutti gli effetti una modifica dell’impianto già autorizzato della centrale per la sola produzione di energia elettrica , modifica che può avere effetti significativi sull’ambiente , sulla salute , sulle attività economiche, sulla mobilità, in termini di emissioni atmosferiche , acustiche, odorigene , di rischio di incidenti all’interno del complesso industriale che, posto com’è in fregio alla Traversa del Mugello, possono coinvolgere il transito automobilistico sulla strada pubblica.
La seconda osservazione è inerente la valutazione degli effetti del traffico dei mezzi pesanti per il trasporto delle biomasse: come è possibile che la Conferenza dei Servizi possa effettuare una valutazione sotto tutti i profili degli effetti del traffico di mezzi pesanti indotto dal trasporto di ingenti quantità di biomasse legnose prevista nel progetto, fino a 96.000 tn. annue se ancora non sono stati presentati dal proponente i contratti con i fornitori e quindi non possono essere noti gli itinerari reali che devono essere seguiti dai camion.
Italia Nostra in segno di protesta e di impegno sarà presente con un presidio davanti alla sede del SUAP, Via P.Togliatti 45 Borgo S.L. in occasione della convocazione della conferenza dei servizi del 14 settembre, a partire dalle ore 10.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: